tartarughe-iPad-aspen-art-museum-02

Tre tartarughe saranno costrette a portare sulla propria corazza un carico indesiderato. In occasione dell'inaugurazione dell'Aspen Art Museum, ognuna di loro avrà sul proprio carapace due iPad che mostreranno alcune immagini della mostra.

L'idea è dell'artista cinese Cai Guo-Qiang che ha pensato di presentare in questo modo i propri lavori, ma l'idea non è piaciuta affatto alla comunità locale che, attraverso una petizione, ne richiede l'immediata rimozione.

Come dimostrano numerosi studi scientifici, le tartarughe potrebbero subire gravi danni a causa del peso eccessivo, data l'estrema sensibilità del loro dorso. Un carico del genere, infatti, può comprometterne il sistema articolare, obbligandole ad uno sforzo che non sono in grado di sopportare.

tartarughe-iPad-aspen-art-museum-01

I curatori della mostra si difendono sostenendo che le tartarughe sono seguite da un gruppo di veterinari e biologi che le visita una volta a settimana per controllarne lo stato di salute. Per quanto riguarda il peso eccessivo, sono convinti che si tratti di un carico inferiore rispetto a quello che normalmente viene loro posto quando vengono studiate dai ricercatori e comunque inferiore a quello sopportato, per esempio, durante l’accoppiamento.

tartarughe-iPad-aspen-art-museum-03

Ma ovviamente queste dichiarazioni non hanno rassicurato nessuno: la petizione Take the iPads off the turtles (togliete gli iPad dalle tartarughe) è andata avanti raccogliendo quasi quattromila adesioni in pochi giorni.

Ciononostante i dirigenti del museo non hanno alcuna intenzione di annullare questa esibizione, ma anzi stanno sfruttando il caso come veicolo pubblicitario: «La libera espressione può assumere varie forme, e non è nelle abitudini del museo censurare gli artisti», è la dichiarazione ufficiale di Sara Fitzmaurice, portavoce del museo.

Ma è davvero così? Siamo realmente liberi di fare qualsiasi cosa in nome di una presunta "libertà di espressione"? E poi, quale sarebbe questa tanto sbandierata libertà di espressione, l'idea secondo cui possiamo prendere un essere vivente e molestarlo in nome dell'arte? Se è arte, le uniche emozione che ci suscita sono quelle del disprezzo e del disgusto verso l'idiozia del genere umano.

Firmiamo la petizione, facciamo vedere che non tutti gli essere umani sono degli idioti:
http://www.change.org/petitions/aspen-art-museum-take-the-ipads-off-the-tortoises

Arturo Carlino

Fonte foto: Denver Post

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram