limudi

Che legame c'è tra farmaci, operazioni chirurgice e limulo, o lymulus polyphemus e granchio reale? Questi fossili viventi, che sarebbero degni del più grande rispetto, sono diventati invece vittime della medicina moderna. Ogni farmaco certificato dalla FDA- così come ogni impianto e protesi - deve essere testato utilizzando un estratto latteo sangue blu dell'animale.

Nonostante il suo nome comune, in inglese "granchio a ferro di cavallo", derivante dall'aspetto corazzato e dalla forma particolare del corpo, il limulo è più strettamente imparentato con ragni, zecche e scorpioni che con i veri e propri granchi. Il suo sfruttamento per scopi medico-sanitari si deve al Dr. Bang, che nel 1885 scoprì come il suo sangue ì si coagulasse in presenza di endotossine batteriche.

UN SANGUE SPECIALE - Il sistema immunitario del limulo, per quanto semplice e primitivo, è in grado di riconoscere efficacemente i lipopolisaccaridi presenti sulla parete dei batteri Gram negativi ed eliminare questi ultimi racchiudendoli in un coagulo. Fu sviluppato quindi un reagente detto LAL (Limulus amebocyte lysate), o più semplicemente limulus test, in grado di segnalare anche minime quantità di tossina eventualmente presenti nelle materie prime industriali e nell'acqua, così come in farmacologia e per l'individuazione di alcune malattie batteriche. Gli Amebociti sono i globuli bianchi del Limulus (uniche cellule in circolo nell'animale).

Come spiega il Centro Studi La Ruota, un'Associazione senza fini di lucro nata dalla volontà di un gruppo di Medici di perseguire lo studio, l'approfondimento e la divulgazione di tecniche per la prevenzione, diagnosi e terapia, che tengano in considerazione la salute, il benessere, l'equilibrio e la cura dell'Uomo nella sua globalità e nella sua interazione con l'ambiente circostante, dal sangue si ottiene poi un lisato di amebociti che contiene gli enzimi che permettono la gelificazione in presenza dell'endotossina batterica (LPS).

Di fatto è in grado anche di eliminare i microorganismi patogeni. Il LAL ha anche capacità di individuare le cellule tumorali e per questo viene spesso utilizzato nelle ricerche in ambito Oncologico (anche per Leucemie). Infine, diversi peptidi isolati da emociti di limulo si sono dimostrati, in test in vitro, in grado di inibire la proliferazione del virus dell'HIV.

limudi2jpg

COME VIENE ESTRATTO IL SANGUE? - Il problema è chel'impiego su larga scala del test LAL in vitro richiede una notevole produzione del composto chimico presente nel sangue del limulo. Sostanza che, non essendo ancora prodotta sinteticamente, determina ancora oggi il prelievo di massa dal sangue degli individui vivi.

Il sangue, materia prima del test, viene estratto dai limuli, senza provocarne la morte. In pratica si catturano esemplari selvatici e si portano nei laboratori. Qui il tessuto intorno al loro cuore è trafitto dagli aghi, a cui è affidato il compito di drenare il 30% del sangue, che può essere venduto fino a 15.000 dollari al litro. Quando il processo è completo, i granchi a ferro di cavallo vengono restituiti al mare, lontano da dove sono stati raccolti al fine di evitare che vengano prelevati una seconda volta.

Una volta liberi, gli individui recuperano il volume di sangue in circa una settimana , ma ci vogliono due o tre mesi prima che il corpo torni alla normalità. Alcuni studi dimostrano che dal 10 al 30 per cento dei soggetti dissanguati muore.

33-28-horseshoecrabs1

CONSEGUENZE DISASTROSE - Che effetto ha questo sulla popolazione della specie? Se il calo del numero di individui è dovuto, in verità, principalmente al cambiamento climatico, i ricercatori sono convinti che la raccolta biomedica possa essere definitivamente dannosa per una popolazione oggi già vulnerabile. Per il singolo indoviduo "salassato", invece, l'operazione è chiaramente fonte di shock, oltre che di probabile morte.

Attuamente negli USA ci sono 5 aziende biomediche che producono: Associates of Cape Cod (Falmouth, Massachusetts), BioWhittaker (Walkersville, Maryland), Charles River Endosafe Inc. (Charleston, South Carolina), Haemachem (St. Louis, Missouri), and Limuli Labs (House, New Jersey).

E IN EUROPA? Nel 2003 il Commissario per la ricerca europea Philippe Busquin ha presentato nuovi metodi rivoluzionari di test sui medicinali per sostituire la sperimentazione sugli animali con test alternativi sicuri, utilizzando cellule ematiche umane invece del test pirogeno sui conigli e del test LAL. Questi sistemi di test sono basati sulla risposta dei leucociti umani (principalmente monociti), che emettono mediatori infiammatori (pirogeni endogeni) in risposta alla contaminazione pirogenica (pirogeni esogeni).

Per maggiori info si rimanda a questo studio: clicca QUI

Roberta Ragni

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram