animali film

Avete mai visto il disclaimer "Nessun animale è stato maltrattato durante la produzione di questo film", che compare spesso fra i titoli di coda? Negli USA l'uso di questa formula è certificato dalla American Humane Association ed è generalmente considerata come una garanzia per il rispetto di severe norme di sicurezza degli animali sul set.

Ma secondo una lunga e recentissima inchiesta di The Hollywood Reporter le cose non starebbero proprio così: la AHA avrebbe assegnato il riconoscimento a produzioni in cui gli animali sono stati feriti o uccisi, come testimonierebbero decine di prove in possesso della redazione. Un caso su tutti è quello della produzione di "Lo Hobbit".

Pare che le riprese abbiano causato, infatti, la morte di ben 27 cavalli, per non parlare di capre, polli e pecore: a causare la morte non sono state tanto le scene particolarmente movimentate ma, piuttosto, i luoghi e i modi inadatti in cui venivano tenuti quando non erano sul set. Ma Peter Jackson, il regista, e la produzione hanno risposto offesi alla PETA, che minacciava manifestazioni all'uscita del film: "I produttori de Lo Hobbit prendono molto seriamente la salute degli animali e hanno sempre mantenuto il più alto standard di cura nei loro confronti. Tutti gli incidenti sono stati investigati e affrontati con azioni appropriate".

Ma ci sarebbero altri episodi finiti sotto la lente di ingrandimento dell'inchesta. Una e-mail interna della Aha descrive, ad esempio, un incidente durante la produzione del premio Oscar film "Vita di Pi" , in cui la famosa tigre utilizzata nel film si è "dannatamente avvicinata all'annegamento" nel corso di un ciak. Nel 2005, poi, durante le riprese del film Disney "8 Amici da salvare" un addestratore avrebbe preso a pugni il cane che aveva il ruolo principale. Ma la pellicola ha ricevuto lo stesso la certificazione "Nessun animale è stato danneggiato".

Ferite anche per i cavalli delle "Cronache di Narnia", pesci morti per "I pirati dei Caraibi" e, per chiudere in bellezza, uno scoiattolo schiacciato in "A casa con i Suoi". Sono davvero tutte "circostanze speciali", come si è giustificata l'AHA?

"Lungi da noi consentire che abusi o negligenze si verificano. Abbiamo un record di sicurezza particolarmente elevato del 99,98 per cento sul set. Nell'arco di molti anni, nonostante i nostri sforzi, ci sono stati occasionalmente incidenti rari, la maggior minori e non intenzionali. Purtroppo, ci sono stati anche alcuni decessi, che ci sconvolgono notevolmente, ma in molti dei casi segnalati, non avevano nulla a che fare con il trattamento degli animali sul set. Si sono verificati quando gli animali non erano sotto la nostra cura", manda a dire l'associazione a FoxNews.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Maltrattamenti durante le riprese del film "Lo hobbit"? L'Enpa: "non andate a vederlo"

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram