caretta caretta

È tornata in mare la tartaruga Caretta caretta soccorsa nelle acque di Savona lo scorso mese di Aprile. L'esemplare, dopo essere stato marcato e micro-chippato in modo da poterlo distinguere in futuro, è stato rilasciato ieri mattina alle ore 10.30 al largo delle secche della Meloria, dopo un periodo di cura di circa un mese e mezzo presso l'Acquario di Livorno.

L'animale, soprannominato affettuosamente "Scorza", era arrivato nella struttura dall'Acquario di Genova a mezzo Capitaneria di Porto, dopo essere stato visto galleggiare con il carapace rovesciato da un diportista. Gli esami diagnostici avevano riscontrato fin da subito una polmonite e la presenza nel corpo di diversi sacchetti di plastica, che la tartaruga aveva ingerito nel tempo scambiandoli per meduse, parte della dieta naturale di questi rettili.

Fortunatamente, passata circa una settimana a galleggiare in superficie, la tartaruga aveva ripreso regolarmente a mangiare, aiutata anche da una terapia anti-infiammatoria. La fase riabilitativa di osservazione pre-rilascio, che è durata circa 1 mese e mezzo, è avvenuta in un'apposita vasca, dove lo staff ha costantemente monitorato lo stato di salute e il comportamento natatorio. L'animale si è cibato soprattutto di pesce azzurro, calamari e gamberi.

scorza

Il rilascio è avvenuto grazie al supporto logistico della Capitaneria di Porto di Livorno, che ha messo a disposizione del personale due imbarcazioni riservate per il trasporto della tartaruga, ed in collaborazione con l'ARPAT di Livorno. Grazie alla collaborazione di tutti Scorza ora è libera di godersi nuovamente il suo mare.

Guarda qui il video della liberazione

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Costarica: Jairo, 26 anni, ucciso perché proteggeva le tartarughe

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram