cane giraffa-bagheria

Il cane giraffa. Così è stato soprannominato il cane che si aggirava da qualche giorno tra le strade della città di Bagheria, in provincia di Palermo. Il randagio, oggetto di sevizie e barbarie, presentava una molla o un tubo che gli era stato applicato al collo.

Dopo le prime segnalazioni, l'amministrazione comunale si è attivata con alcune pattuglie di polizia municipale per intercettarlo e tentare di liberarlo dall'oggetto attorcigliata intorno al collo, che lo faceva assomigliare alle donne dell'etnia Kayan, minoranza di lingua tibeto-birmana conosciuta per i tipici anelli da collo che provocano modifiche fisiche al corpo.

In realtà, l'episodio ha poco a che fare con questa usanza, che ha reso famose le donne Kayan come donne "giraffa": per loro, infatti, gli anelli al collo sono una decisione volontaria, mentre il povero cane non ha avuto scelta ed è stato obbligato da qualche balordo a convivere con la gola costretta in una morsa da cui non poteva liberarsi.

donna giraffa

Piuttosto diffidente, come è facile immaginare, il randagio non si è lasciato avvicinare nei primi tentativi di approccio ed è sempre scappato. Ma, per fortuna, dopo l'appello del sindaco di Bagheria, Vincenzo Lo Meo, in cui si invitavano i cittadini a contattare la polizia municipale in caso di avvistamento, il cane è stato ritrovato e liberato dalla molla al collo. Per questo, il sindaco ha ringraziato in una nota le forze della Polizia Municipale, gli operatori dell' ASVA e dell' ASP, auspicando che questi episodi non si ripetano mai più.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

- La casa degli orrori: cani murati vivi per essere macellati

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
21 giugno 300 x 90
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram