animali in città

In Italia amiamo i nostri amici a quattro zampe, nonostante la crisi e le difficoltà economiche. È questo il dato che emerge dalla seconda edizione del "Rapporto Animali in città", l'indagine di Legambiente realizzata sulla tutela e sulla gestione degli animali nei Comuni capoluogo di provincia, realizzata attraverso un questionario inviato alle amministrazioni.

Delle 104 contattate hanno risposto in 87, che sono state suddivisein tre gruppi: 15 grandi città con più 200mila abitanti, 44 medie città con popolazione tra 80mila e 200mila abitanti e 45 piccole città con meno di 80mila abitanti. Al questionario hanno risposto 13 grandi città, 38 medie città e 36 piccole città. Tra loro, molti offrono strutture e servizi di qualità per gli animali domestici, ma c'è ancora tanto da fare.

Solo il 75,8%, ad esempio, conosce il numero dei cani iscritti nel 2011 all'anagrafe canina, mentre il 55,1% ha censito le strutture dedicate agli animali d'affezione e dispone sul territorio di strutture per ospitare cani vaganti. Il 65,5% dei capoluoghi ha poi un piano di tutela e controllo delle colonie feline e il 68,9% consente ai cittadini di viaggiare sui mezzi pubblici con i propri animali.

Sono, invece, troppo pochi i Comuni che realizzano campagne d'informazione sull'anagrafe canina, solo il 43,6% nel 2011, o attività di promozione della microchippatura, il 48,2%, entrambe fondamentali per ridurre significativamente il rischio di abbandono e calibrare al meglio i servizi offerti sulla base del numero degli animali presenti in città. Ed ancora solo il 45,9% ha un apposito nucleo di polizia municipale per la vigilanza della corretta gestione degli animali in città. Negativi anche i dati sulla conoscenza della biodiversità animale in città: ne è cosciente appena il 26,4%, che può quindi gestire al meglio aree verdi urbane e prevenire zoonosi e/o conflitti con altre attività cittadine.

animali in città 3

Ma in questo panorama, non mancano gli esempi virtuosi di Genova per il piano di tutela e gestione delle colonie feline, di Parma per il quadro conoscitivo sugli animali d'affezione e i servizi al riguardo, di Prato per la conoscenza della biodiversità animale in città e i servizi offerti o di Pordenone per le esperienze di formazione cinofila rivolte ai cittadini. Anche le città di Padova, Forlì e Ferrara si sono contraddistinte per informazione e servizi offerti tramite sito istituzionale, mentre Ravenna per la conoscenza della biodiversità animale in città, Udine, Cremona e Torino per la pluralità dei servizi e Pesaro per l'esperienza dei cani di quartiere.

"Anche in questa seconda edizione di Animali in città - spiega Antonino Morabito, responsabile nazionale Fauna e Benessere animale Legambiente - non abbiamo stilato una classifica dei Comuni, ma abbiamo individuato le Amministrazioni che offrono ai cittadini e ai loro fedeli amici servizi di qualità e posto in evidenza le esperienze più strutturate che possono essere da esempio per altri municipi". Particolarmente interessante, infine è l'esperienza del Presidio Ospedaliero Veterinario dell'ASL Napoli 1, operante sul territorio dei Comuni di Napoli, Portici, Capri e Anacapri.

Il presidio fornisce un servizio h24 di pronto soccorso per tutte le specie sinantrope (cani, gatti, avifauna, ecc.) senza padrone, fornendo anche il ricovero in degenza e sviluppando programmi di educazione sanitaria sul corretto rapporto uomo/animale/ambiente rivolti alla varie fasce di età. Quest'esperienza, spiega Morabito, "offre un'importante chiave di lettura per ripensare e potenziare le strutture in questione in un rafforzato spirito di collaborazione e cooperazione tra Amministrazioni pubbliche".

Il Rapporto evidenzia non solo le virtuosità, ma anche i punti critici su cui lavorare. "Le Amministrazioni comunali – conclude Rossella Muroni, direttore generale di Legambiente – dovrebbero impegnarsi di più nel fornire strutture e servizi di qualità, e soprattutto promuovere campagne d'informazione per diffondere una cultura basata sul rispetto, la cura e il possesso responsabile degli animali da compagnia. Dall'altra parte è indispensabile una maggiore consapevolezza da parte dei proprietari di animali d'affezione sull'importanza di educare e gestire gli amici a quattro zampe nel massimo rispetto dell'ambiente e della pluralità di esigenze della Comunità".

Per leggere il rapporto clicca qui

Per vedere quanto il tuo comune è amico degli animali clicca qui

Roberta Ragni

LEGGI anche:

- Eurispes 2013: Italiani odiano caccia e vivisezione. Aumentano i vegetariani e vegani

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram