La falegnameria che utilizza il legno di recupero e ci dimostra come sia anche più resistente e duraturo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La prima puntata del nuovo format green di Matteo Viviani va nelle Marche presso la falegnameria 3F che produce mobili dal legno di recupero per vedere se è vero e se questo tipo di arredamento è sul serio più sostenibile

C’è un modo di rispettare l’ambiente e quindi le persone”. Matteo, occhiali e barba corta brizzolata, sa bene che per fare alla perfezione il proprio lavoro bisogna partire dal cuore e dal rispetto dell’altro. E da quella forte passione che lo ha spinto, appena ragazzo, a levigare il primo legno.

Da lì, da quel sentimento mai sopito, venti anni fa proprio Matteo mise su una falegnameria, insieme con Luigino e Simone. E fu allora che prese vita la bottega della Falegnameria 3F, tra le splendide colline marchigiane. Matteo, Luigino e Simone producono ancora oggi arredamenti su misura. La loro è una falegnameria piccola, con una dozzina di dipendenti, ma con un grande motto: recuperare quel che si può.

Dalla loro storia parte il viaggio di Matteo Viviani che insieme con GreenMe ha inaugurato il nuovo format videoAndiamo a vedere se è vero”, 8 episodi realizzati nelle fabbriche e nei laboratori per accompagnarci alla scoperta delle aziende che “hanno superato la prova di ecosostenibilità”.

La Falegnameria 3F

La Falegnameria 3F è nata nel 2002 dalla voglia e dall’intraprendenza di quei tre ragazzi – 3F, effe come Falegnami – che misero insieme le proprie esperienze e le proprie abilità artigianali per formare una bottega di ebanisteria per la produzione di arredamenti su misura, con un esclusivo utilizzo di materiale di alta qualità.

Sono Matteo, Luigino e Simone, appunto, e negli anni la loro idea di “utilizzo dei materiali” si è evoluta e ha trovato nel recupero la base fondamentale di un lavoro fatto a regola d’arte.

Proprio così: un materiale forte e talvolta centenario come il legno si può riutilizzare e rimodellare infinite volte, da esso si può creare il bello e il nuovo senza necessariamente scomodare l’ambiente.

Matteo, infatti, nel video di Viviani racconta come la loro sia una missione soprattutto di recupero. Ma incontra il favore dei clienti?

Non sempre – risponde Matteo. Solo 1 su 10 chiede di fare tutto con prodotti di recupero, perché ai più interessa la parte estetica e il prezzo.

Difficile, insomma, ed è la prova netta che sì, il cambiamento è qualcosa che deve partire innanzitutto da noi, perché dovremmo essere innanzitutto noi a capire che scegliere materiali di recupero è in realtà un valore.

Pensano sia roba che non si può riutilizzare, che non serve a nulla, solo legna da ardere, incalza Matteo tra i legni della sua bottega.

Ma per tutti quei lavori per i quali non viene chiesto loro di usare legno di recupero, 3F ha fatto un passo in avanti ottenendo la certificazione FSC e coinvolgendo anche i terzisti, cioè tutta la filiera produttiva.

Ma qui Matteo Viviani provoca: se io ti dovessi chiedere di realizzarmi una serie di mobili usando solo ed esclusivamente legno di recupero?

Il falegname raccoglie la sfida e porta “la Iena” in un posto magico. A pochi chilometri dall’azienda, arrivano in uno dei posti in cui solitamente i 3F ricavano il legno per questo tipo di lavori: un casolare destinato alla demolizione nel bel mezzo delle colline marchigiane, un vero e proprio tesoro per un artigiano come Matteo.

Travi di quercia da carteggiare e ripulire, travi in abete da far tornare a nuova vita, legno di almeno 100 anni, persiane e cancelli da recuperare, anche cardini delle porte da recuperare. Ovunque ci si giri, qui, in questo vecchio casolare, si trova qualcosa che potrebbe essere riutilizzato per uno scopo ben preciso.

È qui, infatti, che Matteo guarda con occhi appassionati una trave che per 100 anni ha sorretto il tetto della casa di un contadino del posto e che ora può diventare un arredo per sorreggere il lavandino di un bagno, l’anta di un armadio, una porta…

È qui, infatti, che si ricava tutto il vero spirito di una produzione ecosostenibile e senza sprechi.

Le prove

Il cliente utilizzando questo tipo di legno non spende di più e nemmeno avrà un prodotto scadente destinato a durare meno. Viviani mette alla prova e mette a confronto le tipologie di legno più vendute sul mercato.

Da un lato legno di recupero e dall’altro due pannelli di legno che nella realizzazione degli arredi moderni vanno per la maggiore.

Il primo test serve a verificare la resistenza del legno, tentando di eliminare delle viti: mentre il legno dozzinale quasi si sgretola in mille trucioli, quello di recupero dimostra una maggiore robustezza.

E quanto alle vernici? La prova del nove è data dal secondo test, quello della fiamma: i legni verniciati a base chimica (poliesteri e simili) prendono fuoco abbastanza velocemente e lasciano un cattivo odore, i legni, invece, con vernice ad acqua bruciano in molto più tempo e non rilasciano gas tossici.

A giornata finita Viviani propone un quesito: sapete dov’è l’aspetto sostenibile meno scontato di tutti?

La risposta la dà Matteo, quel falegname che in quel legno di recupero pone tutto il suo credo, e quei suoi occhi che in un attimo si inondano di lacrime:

In un’industria sei un numero, qui sei una persona.

La tua azienda ha una storia green da raccontare? Scrivi a vivigreen@greenme.it 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook