Che fine ha fatto la nuova isola nel Pacifico creata dopo l’eruzione vulcanica? Dove è diretta?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ricordate la grande zattera” di pietra pomice individuata nel Pacifico e diretta verso l’Australia? Si trattava di una nuova isola nata in seguito a un’eruzione vulcanica sottomarina, di cui il mondo venne a conoscenza tramite le foto scattate da Michael Hoult e Larissa Brill, che secondo gli scienziati avrebbe potuto aiutare la barriera corallina a sopravvivere ai devastanti cambiamenti climatici.

Che fine ha fatto? Dov’è diretta? E ancora, quali sono le sue effettive origini? A queste domande hanno cercato di rispondere numerosi ricercatori: per quanto riguarda le origini, sono state svelate da una ricerca pubblicata sul Journal of Volcanology and Geothermal Research, dove si spiega che è nata da un’eruzione vulcanica sottomarina avvenuta vicino all’isola di Tonga.

Mentre secondo quanto riporta The Guardian, i ricercatori del Geomar Helmholtz Center for Ocean Research, Kiel, Germania, grazie alle immagini satellitari, hanno tracciato il suo viaggio attraverso il Pacifico, scoprendo che dovrebbe raggiungere l’Australia a fine gennaio o inizio febbraio.

Per quanto riguarda invece la sua capacità di raccogliere organismi marini favorendone la crescita e la diversificazione, contribuendo al ripopolamento della barriera corallina, come ipotizzato inizialmente, ci sono cattive notizie.

Innanzitutto perché è troppo piccola, come dichiarato dal professor Terry Hughes, direttore del ARC Center of Excellence for Coral Reef Studies presso la James Cook University, secondo il quale, fra l’altro, i coralli si depositano raramente sulla pomice.

Hughes ha infatti dichiarato ad Australia’s Science Channel che i coralli non amano attaccarsi a qualcosa di mobile, come la “zattera”, ma preferiscono substrati solidi:

“La pomice galleggia e i coralli non amano attaccarsi a qualcosa che oscilla sull’oceano. Di solito quando un piccolo corallo è pronto a stabilirsi, si dirige un po ‘più in profondità e cerca angoli e fessure su una scogliera. Sta cercando un substrato solido. Non vuole essere collegato a qualcosa che è mobile.”

Inoltre, secondo Hughes, anche se dovessero formarsi nuovi coralli sani grazie alla zattera, non basterebbero per aiutare la Grande Barriera Corallina a riprendersi, perché l’unica cosa in grado di salvarla è l’intervento tempestivo sul riscaldamento globale, da cui dipende il grave fenomeno dello sbiancamento dei coralli, sempre più frequente negli ultimi anni.

Dello stesso parare la biologa del corallo Rebecca Albright della California Academy of Sciences, secondo la quale la pomice potrebbe addirittura corrodere i coralli, come ha dichiarato a Scientific American.

In definitiva, secondo i ricercatori, pensare che la zattera salverà la Barriera Corallina è pura illusione, solo un intervento tempestivo sui cambiamenti climatici e una drastica riduzione dell’inquinamento possono far sperare in un cambiamento.

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook