Amazzonia in fiamme, il rischio di perdere il polmone della Terra è sempre più vicino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cattive notizie all’orizzonte, il WWF avverte che gli incendi del 2020 potrebbero essere ancora più devastanti di quelli del 2019. E questo significa che l’Amazzonia è in serio rischio di “estinzione”.

Anche se l’attenzione è concentrata sulla pandemia in corso, l’emergenza incendi è tutt’altro che finita, e anzi, l’anno in corso si sta rivelando anche peggiore dei precedenti, come ha dimostrato il nuovo report “Fuochi, foreste e futuro: Una crisi fuori controllo?” realizzato dal WWF, insieme al Boston Consulting Group (BCG).

Nel report si segnala che gli incendi sparsi per il mondo, non solo in Amazzonia, già ad aprile erano aumentati del 13% rispetto al 2019. Sia a causa dei cambiamenti climatici che della deforestazione, causata principalmente dall’espansione dell’agricoltura.

amazzonia a rischio

©WWF

Per quanto riguarda nello specifico la foresta amazzonica, nel 2019 sono andati in fumo 12 milioni di ettari, e negli ultimi 10 anni, ben 300.000 chilometri quadrati, territorio corrispondente all’intera Italia, sono andati persi. Mentre 170.000 km quadrati di foresta primaria, che è la più preziosa anche dal punto di vista della biodiversità, sono stati tagliati, bruciati o degradati.

E nonostante ciò la deforestazione continua a imperversare, addirittura è in aumento nell’Amazzonia brasiliana, dove il numero di allert tra agosto 2019 e luglio 2020 è stato superiore del 33% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Mentre gli incendi, sempre in quest’area, hanno superato più del 52% la media decennale, e del 24% la media degli ultimi 3 anni. Rispetto al 2019 si è registrato un aumento del 28% del numero di incendi, ovvero 6.803 contro 5.318.

Il mix letale di deforestazione e cambiamenti climatici stanno quindi devastando il polmone verde del Pianeta, che contribuisce a farci sopravvivere sulla terra, raffreddandola, assorbendo i gas serra, immagazzinando carbonio, contrastando la desertificazione, producendo acqua, cibo e medicinali, custodendo preziose comunità indigene che se ne prendono cura e ben il 10% della biodiversità mondiale.

Il cosiddetto “tipping point”, punto di non ritorno, secondo i ricercatori è vicinissimo, potrebbe essere raggiunto entro 10-15 anni. Se altri alberi andranno perduti, le piogge e l’umidità che contribuiscono a tenere in vita la foresta diminuiranno drasticamente, portandola man mano alla definitiva scomparsa, con conseguenze letali per tutto il Pianeta.

Ecco perché il WWF chiede una conferenza internazionale riguardante questa emergenza, non meno grave della pandemia, per mettere in atto al più presto misure in grado di proteggere l’Amazzonia, ma anche altre foreste del mondo, e impedire la deforestazione indiscriminata, coinvolgendo gli stessi governi.

La crisi riguarda tutti noi!

FONTI: WWF/Illustrazione di Mirabilinto

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook