Erutta il vulcano Sangay, esplosione impressionante: un’intensa pioggia di cenere si abbatte sulle città dell’Ecuador

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il vulcano Sangay in Ecuador sta facendo registrare un aumento della sua attività e in molte città del paese sta cadendo una vera e propria intensa “pioggia” di cenere. Cinque città del Chimboraz, nella zona andina dell’Ecuador in queste ore stanno facendo i conti con una coltre di cenere e l’aria irrespirabile, e sono completamente paralizzate.

A confermarlo è stato il Servizio nazionale per la gestione dei rischi e delle emergenze (SNGRE). Da ieri e ancora adesso, la cenere sta ricoprendo anche le città di Guayas e Los Ríos. Vista anche la scarsa visibilità è stato chiuso l’aeroporto José Joaquín de Olmedo. Le unità di monitoraggio degli eventi avversi di SNGRE riferiscono che, fino ad ora, è stata registrata un’intensa caduta di cenere vulcanica nei cantoni di Guamote, Alausí, Chunchi, Pallatanga e Cumandá, in tutta la provincia del Chimborazo. Secondo l’Istituto Geofisico, i modelli di dispersione delle ceneri hanno un’alta probabilità di caduta di cenere anche nelle province di Bolívar, Guayas e Los Ríos, e meno probabilità di raggiungere Santa Elena e Manabí.

Ieri il vulcano Sangay ha registrato un aumento significativo del livello di attività eruttiva. In particolare, si sono verificate esplosioni ed emissioni di ceneri molto più energiche di quelle osservate nei mesi precedenti. Il vulcano aveva prodotto ceneri anche il 10 settembre scorso ma i livelli raggiunti in queste ore sono ben più elevati.

Esso è il vulcano più attivo nel paese ed è conosciuto per l’esplosione di dense nubi di cenere, che dal 1976 hanno costruito una cupola.

“I cambiamenti più significativi si sono verificati da agosto con l’emissione di colata lavica dalla cupola in sommità; quest’ultima potrebbe aumentare la probabilità di esplosioni più grandi, che potrebbero distruggere parzialmente o totalmente la cupola e conseguentemente generare colonne di emissione di ceneri di maggiore altezza e il verificarsi di flussi piroclastici di maggiore portata”.

La grande nube di cenere è stata avvistata anche dai satelliti. Stando alle cifre prodotte dall’Istituto geofisico dell’Ecuaro, ha un’altezza tra 6 e 10 km e sovrasta il cratere del vulcano. Secondo l’Istituto, la parte più alta del nuvola si è spostata in direzione est, mentre la parte inferiore si dirige a ovest del vulcano. A causa delle condizioni meteorologiche, non è stato possibile effettuare osservazioni dirette.

Ciò che però si può notare è la spessa coltre di cenere che sta ricoprendo i centri abitati.

Tante le immagini e i video pubblicati sui social:

Molto probabilmente verrà dichiarato lo stato di calamità naturale.

Fonti di riferimento: Istituto Geofisico Ecuador

LEGGI anche:

Si sveglia di nuovo il vulcano Krakatoa in Indonesia: eruzione con cenere alta più di 14 km. Allerta tsunami

Guatemala come Pompei: decine di morti sepolti dalla cenere del vulcano Fuego

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook