Nasce la prima università in Antartide ed è italiana

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ghiaccio che si scioglie e cambiamenti climatici. Per studiare tutto questo e non solo, sta per nascere la prima università in Antartide e sarà un vanto tutto italiano.

Avete mai sognato di andare a studiare i ghiacci direttamente in Antartide? Presto questo desiderio potrà trasformarsi in realtà grazie all’Università dell’Insubria, fondata nel 1998 a Varese che a breve aprirà una sede distaccata niente di meno che in Antartide diventando così la prima università al mondo ad avere una sede al Polo Sud.

L’innovativa sede universitaria sarà realizzata presso la base cilena di O’Higgins, centro di ricerca che si trova nell’estremità nordorientale della penisola antartica, e sorgerà in collaborazione con il Programma Antartico Cileno e grazie al progetto Insubre Antar cofinanziato anche dal Miur che l’ha selezionato.

Il nuovo polo si occuperà di formazione ma anche di ricerca. Si servirà di due unità prefabbricate ecocompatibili, la prima attrezzata a laboratorio per lo studio dei cambiamenti climatici e la seconda ad uso abitativo. Le strutture saranno dotate di connessione satellitare il che permetterà di tenere seminari e lezioni in videoconferenza ma anche di sperimentare metodi di intelligenza artificiale per trasmettere i dati di monitoraggio ambientale fatti in loco.

La base di O’Higgins è operativa tutto l’anno e può ospitare fino a 60 persone, generalmente 45 d’estate e 18 in inverno. L’Insubria sfrutterà i servizi della base già esistente sia per il supporto aereo e navale, sia per la fornitura di tutto il necessario: energia elettrica, acqua, connessione telefonica e satellitare.

Ancora in corso lo studio dell’offerta formativa da proporre agli studenti che si spingeranno fino in Antartide per questa originale proposta. Al momento sono previsti 4 differenti indirizzi di cui due in lingua inglese:

  • Rischio chimico
  • Gestione e conservazione della biodiversità
  •  Climate and global change
  • Natural risks

Nella sede sarà possibile anche svolgere tesi di laurea o di dottorato oltre che realizzare attività di ricerca con l’aiuto di un team internazionale.

Il progetto sarà realizzato nei prossimi tre anni per un costo totale di circa 480mila euro.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook