Ungheria: il villaggio di Devecser investito dalla marea rossa risorge verde

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ricordate la marea tossica rossa che nel 2010 devastò l’Ungheria a causa della fuoriuscita di fanghi e sostanze dannose da una vasca di decantazione di un’azienda produttrice di alluminio di Ajka?

Ebbene, oggi il villaggio di Devecser risorge dal disastro dei fanghi tossici diventando un modello di energia sostenibile. Dopo gli ingenti danni ambientali derivati dalla catastrofe (annunciata) di poco più di tre anni fa, infatti, la cittadina è in prima linea nel campo della trasformazione in energia verde di rifiuti organici (waste-to-energy).

A Devecser, il sindaco Tamás Toldi ha avviato un programma di recupero partendo dai 30 ettari di pioppi che impreziosiscono quelle aree e che forniscono legno per riscaldare le 87 case sorte 8 mesi dopo il disastro. E ne ha fatto un modello da imitare. Ogni estate, da tre anni a questa parte, una dozzina di operai riducono i pioppi per utilizzarli nella pacciamatura e nel foraggio. L’obiettivo è quello di usufruire di fonti di energia localmente disponibili.

Devecser-2-year-after-of--008

Per me è importante – dichiara Tamás – utilizzare una fonte pulita di energia per il riscaldamento in queste zone. In secondo luogo la mia preoccupazione è quella di utilizzare fonti localmente disponibili di energia. Non dobbiamo usare il gas naturale dal Caucaso, ma i pioppi o la pacciamatura, o – ancora – l’energia geotermica locale (che alimenta il terminal degli autobus)“.

Quello della marea rossa di Ajka è il più grave disastro ambientale che abbia mai colpito l’Ungheria, nonché uno dei più gravi al mondo. La zona coinvolta dall’evento è stata di circa 40 chilometri quadrati, e l’ondata di alluminio pesante ha ucciso ogni forma di vita animale o vegetale.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Marea rossa in Ungheria: un disastro che ha lasciato il segno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook