Amministrazione Trump annulla i limiti sulle emissioni di metano, ignorando le preoccupazioni ambientali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Trump ha annunciato un piano per ridurre le restrizioni sulle emissioni delle società petrolifere con l’obiettivo di cancellare alcune regole sul metano, allentando così gli obblighi per le società per quanto riguarda il controllo e la riparazione delle perdite dagli oleodotti e dagli impianti di stoccaggio.

Dopo le dichiarazioni sulla Groenlandia, l’ipotesi di fermare gli uragani con le bombe e di disboscare l’Alaska, l’amministrazione Trump aiuta nuovamente il settore petrolifero, creando scompiglio tra scienziati visto che il metano è il secondo gas serra più diffuso dopo l’anidride carbonica.

Con questo provvedimento Trump cancellerebbe gli standard che erano stati imposti dall’amministrazione Obama nel 2016 per fermare le fuoriuscite di metano dai pozzi di estrazione di gas e petrolio.

Secondo l’Epa, l’agenzia per la protezione ambientale statunitense questo cambiamento farebbe risparmiare al settore tra i 17 e i 19 milioni di dollari all’anno. Ma molte delle società petrolifere come la Exxon, Shell e Bp, si oppongono al piano, perché paradossalmente credono possa danneggiare la considerazione del gas naturale come combustibile’amico dell’ambiente, e hanno invitato l’amministrazione Trump a mantenere gli attuali standard.

Questa proposta è in linea con la politica di Trump che nega i cambiamenti climatici e sta facendo di tutto per favorire le lobby petrolifere e minerarie, senza considerare minimamente i danno ambientali.

“Questo piano è dannoso”, ha detto al New York Times Rachel Kyte, rappresentante speciale delle Nazioni Unite per l’energia sostenibile . “Proprio in un momento in cui il lavoro del governo federale dovrebbe essere quello di aiutare le località e gli stati a muoversi più velocemente verso un’energia più pulita, il governo si comporta così”.

Con queste normative, l’amministrazione Trump spera di incrementare la produzione di petrolio greggio e di gas naturale.

“L’EPA è ora così determinata ad aumentare effettivamente l’inquinamento da serra che sta persino ignorando le preoccupazioni delle compagnie petrolifere e del gas”, ha detto Kassie Siegel, direttore del Climate Law Institute presso il Center for Biological Diversity,
“Il gas incrinato è un killer del clima”, chiosa.

Come sappiamo infatti, il metano e’ responsabile di circa il 10% dell’inquinamento atmosferico prodotto nel Paese, ma e’ un gas serra 25 volte più potente del diossido di carbonio.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook