Disboscare la foresta pluviale intatta dell’Alaska: l’ultima follia di Donald Trump

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come se non bastassero già gli incendi in Alaska, ecco in un’ultima di tempo l’ultima follia del presidente americano Donald Trump, che vorrebbe cancellare le restrizioni sul taglio e il trasporto del legname imposte 20 anni fa, per proteggere la Tongass National Forest, la maggiore foresta degli Stati Uniti e la sola foresta pluviale temperata intatta del mondo.

Dopo aver ipotizzato l’acquisto della Groenlandia, Trump adesso chilometri quadrati situati nel sud-est dell’Alaska che ospitano l’immensa foresta. Secondo il Washington Post, il presidente vorrebbe far disboscare la foresta per dare spazio a progetti energetici e attività minerarie.

Ma non solo, avrebbe chiesto anche di eliminare il divieto di costruzione di nuove strade nel territorio, tutti limiti imposti dall’ultima amministrazione Clinton per salvaguardare il patrimonio boschivo della Tongass National Forest.
Così mentre numerosi incendi bruciano l’Amazzonia, anche un’altra foresta potrebbe essere a rischio. La sua proposta metterebbe in discussione ciò che finora è stato fatto per tutelare questo polmone verde.

La Tongass in parte è selvaggia, ma prima della tutela ciò non ne aveva impedito il disboscamento, nonostante qui ci siano alberi secolari, il cervo dalla coda nera e altre specie a rischio estinzione che andrebbero così a perdere il loro habitat naturale.

Immediata l’indignazione degli ambientalisti.

“Se il pianeta potesse parlare”, ha scritto la vulcanologa Jess Phoenix, “urlerebbe o piangerebbe per la disperazione”.

Ora a quanto riferiscono fonti anonime che avrebbero sentito pronunciare parole come “disboscamento della foresta” durante una conversazione privata tra Trump e il segretario dell’Agricoltura, Sonny Perdue, le cose si mettono davvero male.

Come dicevamo, Tongass è la più grande foresta pluviale temperata intatta del mondo e da tempo lotta contro i tentativi di disboscamento. Nel 2016 era stato messo a punto un piano per eliminare gradualmente il disboscamento della vecchia crescita nel Tongass entro un decennio e all’epoca il Congresso aveva stabilito che circa 5,7 milioni di acri di foresta selvaggia dovessero rimanere non sviluppati.

Se il piano di Trump riuscisse i provvedimenti riguarderebbero circa 10 milioni di acri dei 16,7 milioni totali della foresta.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook