Il Terremoto in Nuova Zelanda ha sollevato di 2 metri il fondale marino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tra le conseguenze del terremoto del 13 novembre che ha colpito la Nuova Zelanda c’è anche il sollevamento del fondale marino di due metri.

Il primo sisma era stato di magnitudo 7.8 della scala Richter e aveva scatenato uno tsunami con onde di due metri e mezzo, un secondo smottamento si era verificato il giorno successivo con magnitudo 6.5. Le scosse ravvicinate, seguite da altri 45 smottamenti, avevano causato due vittime e diversi feriti.

LEGGI anche: TERRIBILE TERREMOTO 7,8 IN NUOVA ZELANDA, PAURA PER GLI TSUNAMI (VIDEO)

Adesso i sismologici parlano del sollevamento del fondale marino.

”È un dato non sorprendente, vista la dimensione dell’evento. Il terremoto, le cui stime ora si fanno più accurate e ci dicono che la magnitudo è stata di 8.0-8.1, è stato molto forte ed è avvenuto su una faglia lunga centinaia di chilometri, in corrispondenza della linea di costa”, ha detto all’Ansa, Alberto Michelini, sismologo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv).

“La rottura di una faglia di solito procede ad una velocità di 2 chilometri al secondo. In questo caso è avvenuta in poco più di 2 minuti, da Sud verso Nord-Est. Quello che si vede ora in certe parti della costa dell’Isola del Sud, conclude, è un cambiamento della linea di costa, con variazioni sul livello del mare fino a 2 metri”.

A documentare la situazione dopo il terremoto sono le immagini degli utenti di Facebook, guardate:

terremoto nuova zelanda copia
terremoto nuova zelanda1 copia copia copia
terremoto nuova zelanda2
terremoto nuova zelanda3
terremoto nuova zelanda6
terremoto nuova zelanda5

Dominella Trunfio

Foto: Anna Redmond

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook