Terremoto Giappone: la situazione della centrale di Fukushima al terzo giorno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cresce il numero dei morti accertati nella ; la situazione è al momento di oltre 2.000, ma i numeri che preoccupano di più sono le decine di migliaia di dispersi che ancora mancano all’appello, in particolare residenti nelle città costiere del nord-est del paese.

 

A Fukushima intanto sono state evacuate 180.000 persone, tutti i residenti nel raggio di 20 Km., in seguito all’accertamento di un livello di radiazioni superiore al limite legale. 65.000 militari sono stati inviati in zona per le operazioni di sicurezza e il numero è destinato a crescere fino a 100.000 nei prossimi giorni.

I numeri sono quanto oggi viene diramato per rendere il quadro della situazione: 19 persone sono state contaminate dalle radiazioni in seguito al mancato raffreddamento dal reattore n°3 della centrale nucleare . Il governo giapponese ed il gestore della centrale hanno misurato al confine dei locali dello stabilimento in 1.024 microsievert alle 08:33 di oggi (domenica 13/03, ora di Tokyo), laddove il livello ammissibile è di 500 micro sievert. Ma il dato sarebbe sceso a 70, un’ora dopo.

Tokyo Electric Power ha avviato nuove operazioni di raffreddamento per riempire il reattore con acqua di mare, versando contestualmente acido borico per prevenire il manifestarsi di criticità.

Redazione greenMe.it

Leggi tutti i nostri aggiornamenti sul Terremoto in Giappone

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook