Terremoto Giappone: come lo hanno vissuto gli astronauti

giappone_dallo_spazio_1

Non sono solo le brutte notizie a rincorrersi in questi drammatici momenti, ma ci sono anche alcune belle storie, di colleganza ed amicizia, di sofferenza e lontananza, di empatia e sostegno. Qui raccontiamo di quelle degli astronauti che in orbita nel corso del ritorno sulla Terra, hanno saputo dei tragici avvenimenti in Giappone. Quegli stessi astronauti che hanno contribuito, non certo a cuor leggero, allo studio dei fenomeni con delle foto scattate da 354 Km di distanza dalla Terra, che mostrano gli effetti del terremoto e dello tsunami che hanno devastato il paese del Sol levante.

I nostri pensieri sono con i nostri amici in Giappone“, è l’italiano Paolo Nespoli, uno dei tre astronauti presso la stazione, che lo ha scritto in un post su Twitter, il 13 marzo. È di quel giorno la foto catturata dagli astronauti che mostra come la regione a nord della città costiera di Sendai appaia allagata dallo tsunami.

È possibile vedere come sia le zone agricole che quelle abitate sono sommerse dalle acque marine, ma è possibile intravedere anche la baia Ishinomaki in parte ricoperta di petrolio, fuoriuscito dalle raffinerie danneggiate. Un’altra foto mostra il litorale di Sendai e di altre regioni vicine come apparivano il 14 marzo.

giappone_dallo_spazio_2

Gli astronauti rattristati dalla notizia del terremoto hanno comunicato soprattutto attraverso Twitter. Lo ha fatto anche l’astronauta giapponese Naoko Yamazaki, che ha pubblicato una nota rassicurante: “Grazie per i messaggi. Sto bene.”, Yamazaki ha scritto subito dopo il terremoto. “Sincere preghiere a coloro che ancora soffrono. E grazie a tutte le squadre di soccorso.”

“I nostri cuori si rivolgono ai nostri amici in Giappone che hanno sofferto e stanno soffrendo molto”, ha dichiarato nel corso di una diretta televisiva il comandante Scott Kelly della NASA. “Ci sentiamo molto vicini al popolo giapponese e speriamo, ma sappiamo anche che si riprenderà da una dramma come questo perché è un popolo con grandi capacità di ripresa.”

Redazione greenMe.it

Yves Rocher

Premio Terre de Femmes e l’impegno di Yves Rocher nella tutela dell’ambiente

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Seat

Auto a metano, il self service darà una nuova spinta?

corsi pagamento

seguici su facebook