Papà uccidi il mostro dell’Ilva: 5 anni dopo la morte del piccolo Federico, a Taranto non è cambiato niente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un disegno sul comodino con le ciminiere dell’ex Ilva, il fumo nero e una scritta ‘Papà uccidi il mostro’. Quel mostro, ovvero l’inquinamento causato da diossina, non è stato ancora sconfitto e Federico purtroppo non c’è più.

Federico aveva solo nove anni quando è morto nel 2014 a causa di un neuroblastoma, ma adesso il disegno per il suo papà diventa simbolo di una battaglia senza tempo, quella contro i fumi tossici dell’ex Ilva. A pubblicarlo sui social è Rosella Balestra, all’epoca coordinatrice del comitato Donne per Taranto.

Il bambino si era ammalato a cinque anni e nel 2011 gli era stato diagnosticato un neuroblastoma, ma dopo due anni di viaggi della speranza, il bambino è volato via e di lui rimane solo questo disegno e lo slogan “Papà uccidi il mostro” diventa un hashtag che rimbalza sui social proprio dopo i nuovi controlli Arpa che parlano ancora di emergenza ambientale e sanitaria nel quartiere Tamburi, avvelenato dai fumi dell’ex Ilva.

ilva arcelor

Proteste e scuole chiuse

Chiusura precauzionale delle scuole De Carolis e Deledda e l’interdizione della Salina Grande. Il caso Taranto continua a far discutere. Ieri la protesta e l’azione simbolica di mettere catene ai cancelli dello stabilimento Arcelor Mittal (ex Ilva) con la scritta “Vi chiudiamo noi”, oggi le preoccupazioni sempre più crescenti su diossina e sostanze tossiche che stanno avvelenando il quartiere Taranto che si trova a ridosso del Siderurgico.

Un mese fa, i carabinieri del Noe di Taranto avevano sequestrato delle collinette ecologica che secondo l’Arpa, avrebbero dovuto ridurre l’impatto dell’inquinamento. Ma le ultime analisi dicono ben altro, ovvero che quelle colline sono cumuli di rifiuti industriali provenienti proprio dall’ex Ilva.

Che ripercussioni ha tutto questo sui residenti e sui bambini che vanno a scuola proprio a due passi dalla discarica abusiva? Adesso si passerà ad analisi più dettagliate per verificare se ci sono inquinanti sui terreni della scuola e nella falda acquifera.

Il ministro Costa si dimetta

Mentre non si arrestano le polemiche rispetto a gli Ipa e alla diossina, i cittadini chiedono risposte, il ministro Sergio Costa si appella all’Ispra e invita a non creare allarmismi su aumento di inquinamento da diossina riportato da alcune associazioni, perché prima si dovrebbero avere dati scientifici e poi prendere eventuali decisioni.

Diversamente la pensano cittadini, associazioni e comitati aderenti al ‘Piano Taranto’ che scrivono:

“Caro ministro Costa, se questo è il suo approccio le chiediamo immediatamente di dimettersi e tornare a fare il carabiniere In un Paese normale – aggiungono – un governo che si presenta come ‘cambiamento’ avrebbe fatto qualsiasi cosa per porre rimedio a tutto ciò, e invece ci troviamo punto e a capo, con garanzie ai nuovi acquirenti per ulteriori quattro anni fino al 2023, con tanto di scudo penale”.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook