Sversamenti illegali: il monitoraggio della marea nera in Campania

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo le segnalazioni degli sversamenti alla foce del torrente Agnena a Mondragone, ISPRA e ARPAC hanno avviato il monitoraggio del luogo, in sito e da remoto.

Le acque del torrente e del mare erano tornate limpide durante il lockdown ma, dopo soli due giorni dalla parziale riapertura del 4 maggio, sono purtroppo arrivate numerose testimonianze fotografiche di una grande macchia nera che dall’Agnena si riversa nelle acque marine, probabilmente provocata da sversamenti illegali.

L’ISPRA ha dunque avviato un’analisi radiometrica usando i dati dai satelliti Landsat NOAA e Sentinel-2 Copernicus.

Le immagini sono riferite al periodo tra il 4 ed il 7 maggio e, sottolinea ISPRA “indicano senza dubbio l’avvenuto sversamento e mostrano come il materiale si è disperso in mare nei giorni seguenti, contaminando le zone costiere in prossimità della foce fluviale.”

Immagini satellitari sversamento

©ISPRA

La macchia nera che si disperde dalla foce dell’Agnena è infatti perfettamente visibile ed è messa ulteriormente in luce dalle analisi di assorbimento di radiazioni luminose.

Assorbimento radiometrico sversamento

©ISPRA

Inizialmente la macchia si allunga dalla costa verso il mare poi, dal giorno successivo, a causa della riduzione dello sversamento e delle correnti del mare e del vento, il materiale inquinante si riduce e si avvicina alla costa.

Secondo quanto riportato sul sito dell’ISPRA, le analisi effettuate dai tecnici ARPAC sono in fase di completamento e per valutare alcuni parametri bisognerà attendere alcuni giorni.

ISPRA ha fatto sapere che il controllo satellitare sarà portato avanti e che continuerà a monitorare la situazione con la collaborazione di ARPA Campania.

Le segnalazioni dei cittadini in questo caso sono importanti: proprio ieri il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha comunicato sulla sua pagina Facebook che i responsabili di un altro sversamento illegale di sostanze inquinanti a Ischia, sono stati identificati proprio grazie alla collaborazione tra Capitaneria di porto e cittadinanza.

Fonti di riferimento:ISPRA/Sergio Costa

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook