Strade chiuse e case evacuate: a Courmayeur il crollo del ghiacciaio è imminente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A Courmayeur sarà chiusa da stasera la strada comunale per la Val Ferret e la interpoderale per Rochefort e il perché è motivo di grande preoccupazione: potrebbe infatti crollare a breve una parte del ghiacciaio Planpincieux, sulle Grandes Jorasses, lungo il versante italiano del massiccio del Monte Bianco. La massa pericolante è di circa 250 mila metri cubi.

A disporlo è un’ordinanza firmata proprio oggi dal primo cittadino Stefano Miserocchi che impone anche l’evacuazione di alcune case.

L’allarme è stato lanciato dalle strutture tecniche della Regione Valle d’Aosta e della Fondazione Montagna sicura, che hanno registrato un’accelerazione del movimento che ha raggiunto la velocità di 50-60 centimetri al giorno.

In questo modo si è rilevato, spiega Miserocchi, un “significativo incremento della velocità di scivolamento del ghiacciaio Planpincieux nell’ultimo periodo. In base agli scenari presentati per motivi di sicurezza e incolumità pubblica, abbiamo dovuto adottare tali misure poiché lo scenario di eventuale caduta della porzione di ghiacciaio interessa questa volta il fondo valle antropizzato, in particolare la strada comunale di accesso alla località Planpincieux (che non rientra negli scenari). L’incolumità pubblica è prioritaria per l’Amministrazione comunale. Tali fenomeni testimoniano ancora una volta come la montagna sia in una fase di forte cambiamento dovuto ai fattori climatici, pertanto è particolarmente vulnerabile. Nella fattispecie si tratta di un ghiacciaio temperato particolarmente sensibile alle elevate temperature. Il lavoro di monitoraggio è costante, grazie alla collaborazione con le Strutture regionali e con la Fondazione Montagna Sicura, ed è volto a garantire l’adozione di misure di sicurezza per l’incolumità pubblica e a valutare le prossime azioni e possibili scenari collegati”.

L’analisi dei dati di movimento unita ad altre osservazioni della massa glaciale del Planpincieux – oggetto di studi sperimentali sin dal 2013 – ha in effetti messo in evidenza un potenziale pericolo di crollo, senza però poterne prevedere da un punto di vista temporale l’esatto momento, di un volume di circa 250 mila metri cubi.

Ricapitolando, si legge nellanota del Comune:

A partire dalle 19.30 di oggi 24 settembre è disposto il divieto d’accesso pedonale e con mezzi a motore nelle aree indicate come zona 1 e zona 2 della planimetria; la chiusura della strada comunale per la Val Ferret e della strada interpoderale per Rochefort; l’evacuazione degli immobili individuati in planimetria nelle zone 1 e 2.

planimetria val d'aosta

Leggi anche:

Germana Carillo
Foto cover

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook