Per il mare ogni lavaggio è una tortura! Servono filtri più efficaci per le lavatrici #stopmicrofibre

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un solo carico di 5 kg di materiale in poliestere produce tra i 6 e i 17,7 milioni di microfibre. E Il mare è l’ambiente più colpito

Per il mare ogni lavaggio è una tortura”: è per questo che Marevivo lancia la campagna #stopmicrofibre, volendo sensibilizzare sul problema delle microplastiche rilasciate dai tessuti sintetici in lavatrice. Un solo carico, infatti, produce milioni di microfibre di dimensioni inferiori ai 5 mm che si riversano in mare. Qui, manco a dirlo, sono ingerite dagli organismi marini ed entrano così nella catena alimentare.

Quella delle microfibre rilasciate da tessuti è un’altra emergenza da non sottovalutare – spiega Raffaella Giugni, responsabile relazioni istituzionali di Marevivo. È indispensabile investire sulla ricerca e l’innovazione del settore tessile e migliorare il trattamento delle acque reflue. Chiediamo alle aziende di progettare sistemi di filtraggio più efficaci per lavatrici e, a tutti, di ridurre quanto più possibile gli acquisti, di riciclare e riusare”.

Secondo i ricercatori inglesi dell’Università di Plymouth, che per un anno hanno analizzato ciò che accadeva quando i materiali sintetici venivano lavati a temperature diverse, tra i 30 e i 40 gradi, con differenti combinazioni di detergenti – ogni ciclo rilascerebbe circa 700mila fibre di microscopiche particelle. Il 40% delle microfibre non viene trattenuto dagli impianti di trattamento e finisce nell’ambiente. Una città come Berlino, ad esempio, ne rilascia ogni giorno una quantità pari a 540mila buste di plastica. In particolare l’acrilico, uno dei tessuti peggiori, cinque volte in più del tessuto misto cotone-poliestere.

È quanto emerge dallo studio “Evaluation of microplastic release caused by textile washing processes of synthetic fabrics”, secondo cui un solo carico di 5 kg di materiale in poliestere produce tra i 6 e i 17,7 milioni di microfibre. Queste ultime, inoltre, sono sempre più spesso trovate negli organismi filtratori acquatici come mitili e ostriche, ma anche nello stomaco di pesci e uccelli marini, nei sedimenti, nel sale da cucina e nell’acqua in bottiglia.

Come se non bastasse, una volta entrati nell’ecosistema marino, i microframmenti nocivi assorbono sostanze inquinanti e tossiche e vengono ingeriti dagli organismi che li scambiano per cibo. Si accumulano poi nei tessuti in concentrazioni sempre crescenti via via che si sale nella catena alimentare fino a raggiungere potenzialmente l’uomo.

logo marevivo

Soluzioni? Sarebbe necessario investire sull’innovazione tessile e su un corretto funzionamento del filtraggio nelle lavatrici e non solo: ricordiamoci magari di usare più a lungo i capi acquistati, riciclarli correttamente ed effettuare lavaggi usando programmi a basse temperature, detergenti liquidi e una velocità della centrifuga ridotta.

Leggi anche

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Cristalfarma

Meteorismo e pancia gonfia? Migliora la tua digestione con l’alimentazione e non solo…

Carnitina

Benefici, controindicazioni e quando è consigliato assumerla

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook