@ UCSanDiego

Sparito un lago della calotta Antartica dopo la frattura della superficie del ghiaccio: è il segno della crisi climatica in atto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un lago della calotta antartica scompare dopo la frattura della superficie del ghiaccio che lo ricopriva: le immagini dei satelliti mostrano il lago prima e dopo il suo completo prosciugamento.

Un lago antartico contenente il doppio dell’acqua della baia di San Diego (fra i 600 e i 750 milioni di metri cubi di acqua) è sparito. Un team di scienziati ha utilizzato il database fotografico dei satelliti per mostrare che sulla piattaforma ghiacciata Amery un enorme lago ghiacciato si è sciolto, e la sua acqua si è dispersa nell’oceano.

Il lago era costituito da acqua proveniente dalla superficie degli oceani sciolta durante l’estate e accumulata per decenni sotto uno strato di ghiaccio formatosi nei periodi invernali. La sua sparizione è connessa a un fenomeno chiamato idro-frattura: in pratica, la pressione esercitata dalla massa sempre maggiore proveniente dai ghiacciai in scioglimento ha portato alla rottura della superficie di ghiaccio sul lago che, rompendosi, ha liberato l’acqua sottostante facendola disperdere nell’oceano.

Infine, la superficie ghiacciata che un tempo conteneva l’acqua del lago è collassata su se stessa all’interno del cratere ormai vuoto. Un tale evento è certamente raro, ma non sconosciuto.

L’evento è stato osservato grazie alle immagini provenienti dai satelliti della NASA Landsat 8 e ICESat-2. I dati raccolti hanno permesso agli scienziati di calcolare come la superficie di ghiaccio del lago sia collassata e come la lastra di ghiaccio si sia sollevata fino ad un’altezza di 36 metri prima che la massa d’acqua sottostante si disperdesse nell’oceano. Inoltre, nell’area è nato un altro lago, che ha attirato nel proprio cratere acqua a una velocita impressionante, di milioni di metri cubici al giorno.

Aldilà dell’interesse per l’evento raro e affascinante, il lago sparito mette in luce quali siano i pericoli relativi alla diffusione del fenomeno dell’idro-frattura derivante dalla crisi climatica, che provoca il collasso delle superfici ghiacciate, l’aumento dell’acqua sciolta dai ghiacciai e l’innalzamento del livello dei mari. I dati raccolti su questo evento potranno offrire agli studiosi una maggiore comprensione della frequenza e dell’evoluzione dei laghi ghiacciati.

Fonte: UC San Diego / Advanced Earth and Space Science

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook