Siberia, inferno di fuoco: gli incendi rendono irriconoscibile la città più fredda del mondo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Temperature record, alluvioni, incendi, piogge torrenziali che hanno fatto crollare enormi dighe: non è l’apocalisse, ma i tremendi effetti della crisi climatica, un fenomeno che ha sta mostrando i suoi devastanti effetti dalla Germania, agli Stati Uniti, dal Canada alla Cina e, ultima, la Siberia. 

Qui, nella regione più a nord della Russia, conosciuta per essere una delle aree più fredde del pianeta, le fiamme stanno divorando la tundra e i boschi.

La città di Yakutsk (nel Nord-Est della Russia), considerata una delle città con i climi più rigidi a livello mondiale,  è ora circondata da una nube altamente tossica, considerata uno degli eventi più inquinanti attualmente esistenti. Per questo le istituzioni hanno invitato i 320 mila cittadini a chiudersi dentro le abitazioni, così da evitare le pericolose sostanze chimiche: i danni sulla salute potrebbero essere immediati. 

Per far fronte alla situazione e arginare le fiamme, il Governo ha messo in campo l’esercito e oltre 2000 uomini. Tuttavia, nonostante l’ingente impiego di risorse, le fiamme non i fermano. In questo momento sono attivi 250 incendi in un’area di 5720 chilometri quadrati.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Redattrice su temi della sostenibilità sociale e ambientale. Laureata con lode in filosofia, ha conseguito un master di II livello in Rendicontazione Innovazione e Sostenibilità. Ha maturato esperienza nella comunicazione e nell’organizzazione di eventi presso enti profit e no profit.
Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook