Sequestrata fabbrica a Monopoli per emissioni di microplastiche nocive e maleodoranti nell’aria

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In molti avevano segnalato e denunciato le emissioni maleodoranti attraverso un’App dedicata del Comune di Monopoli. Da qui è partito il Nucleo operativo di Polizia ambientale (Nopa) della Guardia costiera di Bari, arrivando a sottoporre a sequestro preventivo, su disposizione della magistratura barese, uno stabilimento industriale di proprietà della società Pipeplast.

Le accuse sono emissioni maleodoranti dovute a plastiche e rifiuti speciali non trattati secondo le norme, inquinamento della falda e del sottosuolo e dispersione nell’aria di micro particelle nocive.

Secondo la Procura di Bari il gestore dell’opificio aveva trasferito all’esterno gran parte del ciclo produttivo aziendale, collocando all’aperto numerosi e ingombranti contenitori flessibili di rifiuti speciali privi di copertura e maleodoranti.

La struttura era, inoltre, dotata di un impianto di trattamento delle acque non certificato e non collaudato, il cui uso ha gravemente compromesso il sottosuolo e la falda sottostante per l’accertata presenza di fango e percolato. Inoltre, è risultato Incompleto e non certificato anche l’impianto antincendio.

Come se tutto questo non bastasse, sul piazzale antistante, sarebbero stati eseguiti anche lavori edilizi abusivi. Proprio a causa della modifica arbitraria della collocazione di uno dei camini, e per l’imperfetta tenuta dei pannelli laterali superiori del capannone divelti in più parti, l’impianto diffondeva nell’atmosfera miasmi di plastica combusta percettibili anche a notevole distanza.

La collocazione all’esterno della fase di triturazione del materiale plastico comportava la diretta dispersione nell’aria di micro/mini particelle plastiche originate dai rifiuti speciali.

“Continueremo con tutte le forze possibili a contrastare i veleni nel nostro Paese. AdMaiora”, scrive il ministero dell’Ambiente.

Le immagini che mostrano il sequestro lasciano poco spazio alla fantasia e mostrano questa vergogna:

Fonte: ministero dell’Ambiente

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook