Lo scioglimento dei ghiacciai risveglierà virus di 15mila anni fa?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Potrebbero diffondersi virus debellati o sconosciuti a causa del riscaldamento globale? Una discussa ricerca condotta da scienziati statunitensi e cinesi ha ritrovato virus sepolti nei ghiacci risalenti a circa 15.000 anni fa. E lo scioglimento in corso è un dato di fatto.

Lo studio è stato condotto analizzando due campioni di ghiaccio ottenuti fino a 50 metri di profondità nell’Altipiano Tibetano nord-occidentale, rilevando 33 virus, 28 dei quali sconosciuti, perché non presenti nei database ufficiali. Le tecniche utilizzate (genetiche e microbiologiche), sostengono gli scienziati, sono consolidate e non lasciano spazio a dubbi.

Gli scienziati hanno anche analizzato le acque superficiali di zona, confrontando i DNA ritrovati e identificando così 18 virus tipici presenti solo nella profondità glaciali, probabilmente corrispondenti alle condizioni ambientali presenti nella zona al momento della deposizione del ghiaccio.

I virus, di fatto, sono pezzi di DNA che si replicano in cellule ospiti, e non necessariamente provocano malattie. E non ci sono rischi, per ora, che tornino in superficie. Ma l’incertezza non fa stare di certo sereni.

D’altronde non è il primo allarme e probabilmente non sarà l’ultimo: microbi, tra cui possibili agenti patogeni, potrebbero “risuscitare” a causa dell’aumento delle temperature che, provocando la fusione dei ghiacci, liberano molecole e composti chimici sepolti anche da migliaia di anni (tra questi anche pesticidi degli anni ’40).

Nel 2016 alcuni sfortunati abitanti di regioni remote della Siberia si ammalarono di antrace, una malattia potenzialmente fatale per l’uomo. Dopo circa 2000 casi di renne risultate infette, ci furono una dozzina di ricoveri e purtroppo la morte di un bambino. E alcuni scienziati individuarono nello scioglimento dei ghiacci la causa dell’anomalo focolaio, partendo dal presupposto che nella città di Jakutsk le temperature sono aumentate di 2,5°C in 10 anni. L’ipotesi, comunque, non fu mai dimostrata.

Ma cosa dobbiamo aspettarci se questa mole ghiacciata si scioglierà?

ghiacciai virus antichi

Foto: biorXiv

Gli autori non si sbilanciano, anche perché – è importante sottolinearlo – il lavoro è stato pubblicato in versione pre-print, non ancora approvata dalla comunità scientifica. E attualmente non ci sono prove nemmeno che quei virus potrebbero causare infezioni.

Quello che è certo che l’aumento delle temperature non fa bene al Pianeta, provocando cambiamenti climatici che non abbiamo la sicurezza di poter gestire e fenomeni potenzialmente molto pericolosi.

È possibile leggere il lavoro su biorXiv.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook