Il mistero del mare del Salento che si è tinto di rosso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le acque del Salento si tingono di rosso.

A lanciare l’allarme è Giovanni D’Agata di Sportello dei Diritti, che ha immortalato il fenomeno. Di che si tratta?

Siamo in Salento, dove nei giorni scorsi le acque cristalline di San Cataldo, Marina del Comune di Lecce, hanno mostrato una colorazione “arancione vivo e oleosa che stagnava a pochi centimetri dal bagnasciuga”.

Potrebbe sembrare un brutto segnale di inquinamento.

In realtà, ad aver dato vita a questo evento potrebbe essere stata un’alga tutt’altro che pericolosa. È la ‘noctiluca scintillans’, che di giorno ha una tonalità ramata e di notte diventa fosforescente regalando spettacolo.

Questo fenomeno naturale è dovuto all’innalzamento delle temperature dell’acqua e non è pericoloso.

C’è da chieders, semmai, se sia normale un aumento della temperatura del mare a gennaio. Sicuramente quest’inverno è piuttosto insolito. Anche se siamo nel pieno dei giorni della merla, in generale, un po’ in tutta Italia le temperature sono miti. Di certo non stiamo vivendo i giorni più freddi dell’anno.

mare rosso san cataldo

“È necessario che le autorità sanitarie si attivino prontamente per accertarne la natura e le cause, per sfatare ogni minimo dubbio circa la possibilità che derivi da fonti d’inquinamento umane e per ogni intervento del caso” continua D’Agata.

LEGGI anche:

Non si tratta però del primo caso di questo tipo osservato in Salento. Lo scorso anno a marzo, nel tratto di mare che bagna Torre Uluzzo, le acque di notte si sono colorate di blu elettrico.

Merito sempre della noctiluca scintillans, la microalga famosa per la sua biolumescenza. Uno spettacolo immortalato dagli scatti del fotografo ambientale Quintino Mita.

Aspettiamo di saperene qualcosa in più. Di certo, l’unica cosa davvero rossa che ammireremo nei prossimi giorni è la superluna.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook