Rogo tossico nella Terra dei Fuochi, arrestato il responsabile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Appiccava incendi a rifiuti speciali e tossici in provincia di Napoli, nella Terra dei Fuochi, ma è stato tradito dalle telecamere di sorveglianza che lo hanno colto in flagrante.

Nelle immagini, riprese nel comune di Afragola, si vede chiaramente un uomo intento a dare fuoco a un cumulo di rifiuti generando un rogo tossico in pochi minuti.

Una vera e propria montagna di scarti di ogni tipo abbandonati, provenienti dalla lavorazione del legno e dalle demolizioni di auto, compresi rifiuti domestici, pneumatici, parti di carrozzeria, gomma e plastica.

Proprio grazie ai video, lo scorso febbraio sono iniziate le indagini, che hanno coinvolto la Procura della Repubblica di Napoli Nord e i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale.
Grazie ai video, gli agenti sono riusciti a identificare l’uomo, un 56enne residente da Torre del Grego.

Si tratterebbe di un recidivo, già responsabile di un altro incendio di rifiuti a Casoria, che si sarebbe giustificato con frasi banali, come riporta il Ministro Sergio Costa in una comunicazione in cui commenta la notizia: la moglie ha un negozio di elettrodomestici e lui, nel tragitto per recarsi dai genitori, si fermava a smaltire i ricambi esausti bruciandoli.

Ora l’uomo si trova agli arresti domiciliari con l’accusa di combustione illecita di rifiuti speciali.

Fonti di riferimento: Sergio Costa/Il Gazzettino Vesuviano

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook