Scoperto un nuovo tipo di roccia formata…dalla plastica!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Scoperto un nuovo tipo di roccia, un nuovo e autentico marcatore biologico del passaggio dell’uomo sulla Terra. Peccato che questa roccia non sia altro che un ammasso di rifiuti di plastica fusi, sedimenti, frammenti di lava vulcanica e detriti organici.

Il suo nome non poteva che essere “Plastiglomerato” e la sua esistenza ci fa abbracciare la raccapricciante ipotesi che della plastica non ci sbarazzeremo così facilmente. Per non dire mai più. Così, dopo i rifiuti plastici nell’Artico e nel Pacifico, ora gli scienziati (e tutta l’umanità) si trovano a dover far i conti con vere e proprie rocce di plastica.

La scoperta si deve ai ricercatori della University of Western Ontario, guidati dalla geologa Patricia Corcoran e da Charles Moore, capitano della nave da ricerca oceanografica Alguita. Il loro triste compito è stato quello di rinvenire lo strano materiale in 27 siti diversi sulla spiaggia hawaiana di Kamilo. Ma, come si afferma in un articolo pubblicato su LiveScience, il materiale geologico potrebbe esistere in molti altri luoghi.

I risultati della ricerca, pubblicata su GSA Today, parlano di due tipologie di Plastiglomerati: in situ e clastica. La varietà in situ è più rara e prende corpo quando “la plastica si scioglie sulla roccia e viene incorporato nello strato superficiale”. Nei plastiglomerati clastici, invece, si formano delle rocce che, insieme alla plastica fusa, inglobano conchiglie, coralli, basalto, detriti legnosi e sabbia, incollati.

Una scoperta tutt’altro che piacevole, questa. Nuoteremo in mari di plastica, scaleremo montagne di plastica. Se non è la fine del mondo questa…

Germana Carillo

Foto: livescience.com

TITOLO: Dalla plastica si formano le rocce (FOTO)

LEGGI anche:

L’isola di plastica nel Pacifico è il doppio degli Stati Uniti

Rifiuti plastici in mare: neppure l’Artico si salva

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook