Il riscaldamento globale frenato dalle eruzioni vulcaniche

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Eruzioni vulcaniche cosa hanno a che fare con il riscaldamento globale? I vulcani contribuirebbero, secondo alcuni scienziati, a compensare in parte il riscaldamento prodotto dai gas serra.

Secondo uno studio condotto presso il Lawrence Livermore National Laboratory e pubblicato su Nature Geoscience, le eruzioni vulcaniche nella prima parte del XXI secolo avrebbero contribuito a tenere a bada il surriscaldamento del pianeta.

Nonostante i continui aumenti nei livelli atmosferici dei gas a effetto serra e il surriscaldamento delle acque degli oceani, le temperature medie globali sulla superficie del Terra e nella troposfera (la parte più bassa dell’atmosfera della Terra) non sono andate al di sopra del livello registrato nel 1998. Questo rallentamento o “iato“, come lo definisce l’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change – Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico), ha ricevuto una notevole attenzione scientifica, politica e popolare. E il “merito”, stando ai ricercatori, andrebbe proprio ai vulcani.

Le eruzioni, infatti, immettono anidride solforosa nell’atmosfera. Se le eruzioni sono abbastanza grandi da aggiungere biossido di zolfo nella stratosfera (lo strato atmosferico sopra della troposfera), il gas forma piccole goccioline di acido solforico, il cosiddetto “aerosol vulcanico“, che riflettono i raggi del sole impedendogli di raggiungere la troposfera e la Terra, raffreddando quindi la superficie terrestre.

“Negli ultimi dieci anni la quantità di aerosol di origine vulcanica nella stratosfera è aumentata, e questo ha fatto sì che un maggior quantitativo di luce solare fosse riflessa indietro verso lo spazio”, ha detto l’autore del rapporto, Benjamin Santer. “Ciò ha creato un raffreddamento naturale del pianeta e ha in parte compensato l’incremento della temperatura superficiale e atmosferica causato dall’uomo”.

La ricerca ha coinvolto un grande team interdisciplinare di ricercatori con competenze sul clima, sui dati satellitari, sulle dinamiche stratosferiche e sugli effetti vulcanici e ricercatori del Massachusetts Institute of Technology e della NASA.

temperature terrestri

Quello del rallentamento dell’aumento della temperatura globale è un argomento che appassiona da tempo molti governi e ricercatori “scettici” che non credono al riscaldamento globale e chiedono chiare spiegazioni. Così, come gli scienziati guidati da Santer attribuiscono ai vulcani la causa dello “iato”, altri sostengono che sia stato il recente raffreddamento dell’Oceano Pacifico in uno dei suoi cicli di El Nino e di La Nina, a causare un raffreddamento a livello planetario. Raffreddamento, in ogni caso, ritenuto solo di passaggio e temporaneo.

Certo è che, in ogni caso, il riscaldamento della Terra, lento o no, è sotto gli occhi di tutti e l’uomo è il suo principale artefice, carnefice di se stesso. Le eruzioni vulcaniche e le acque degli oceano possono attutirlo, ma per quanto tempo ancora?

Germana Carillo

LEGGI anche:

L’eruzione di un vulcano si può prevedere studiando il magma?

Gli effetti sul clima dell’eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajkull

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook