Rifiuti in mare: nel Tirreno l’80% è plastica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Plastica piaga anche del mar Mediterraneo. Lo dice un nuovo studio pilota condotto dall’Università di Pisa e dall’Ispra, in collaborazione con l’Accademia del Leviatano e l’Università di Roma 3. Secondo l’indagine oltre l’80% dei macro rifiuti (più grandi di 25 cm) presenti in mare è costituito da “plastiche”. Teli e buste di plastica, insieme a cassette di polistirolo, gli oggetti più presenti.

Maxi-rifiuti che vagano nei nostri mari, abbandonati dall’uomo e indistruttibili. È questo quello che è stato scoperto durante le 40 ore di monitoraggio diretto effettuato dai traghetti della Corsica-Sardinia Lines, utilizzati come come piattaforme di osservazione. L’area scandagliata è una striscia di mare larga 100 metri tra la Toscana e la Corsica, posta a fianco del traghetto e sorvegliata da un osservatore dedicato.

Presentato a Siena, nel corso del Convegno sugli indicatori per la Strategia Marina, lo studio ha messo in evidenza che il problema dei rifiuti di plastica in mare riguarda anche l’Italia, non solo gli come il Pacifico e i Grandi Laghi.

Durante lo studio italiano, è stata trovata una densità di macro-rifiuti pari a 2 oggetti ogni kmq. E lungo l’area di studio, la rotta transfrontaliera Livorno-Bastia, la densità di macro rifiuti è risultata essere simile.

Cristina Luperini, che ha presentato lo studio, ha spiegato: “Durante il nostro studio abbiamo contato un oggetto in mare circa ogni 5 km percorsi. Se ampliato in altre regioni marine Italiane, il protocollo di monitoraggio di marine litter, potrebbe essere il punto di partenza per verificare nel tempo gli effetti delle politiche per la riduzione dei rifiuti che finiscono in mare previste sia dalla marine strategy, sia dal recente decreto legge che vieta il commercio di buste di plastica non biodegradabili/biocompostabili per il trasporto di alimenti”.

Buste di plastica e reti fantasma gli oggetti più pericolosi e abbondanti ritrovati durante l’ossrervazione. Essi infatti potrebbero costituire un pericolo per la fauna marina protetta come tartarughe e cetacei, sia per l’ingestione sia per l’aggrovigliamento. “Anche per questo è particolarmente importante poter conoscere l’entità della loro presenza in mare alto” aggiunge.

Secondo l’esperta, tale protocollo oltre ad avere costi ridotti potrebbe consentire di comprendere a fondo il problema dei rifiuti marini anche nei tratti di mare alto spesso poco monitorati.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Isole di plastica: scoperto Garbage Patch anche nei Grandi Laghi

L’isola di plastica nel Pacifico è il doppio degli Stati Uniti

Inquinamento oceani: 4 soluzioni alle isole di plastica

Foto: Bluecommunity

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook