Rifiuti in mare, casi di successo e possibili soluzioni

Sono usciti diversi studi dell’UNEP (United Nations Environment Programme) circa i rifiuti marini, ma uno tra questi ha colpito di più chi, come noi, vuole dare una mano alla Terra, attraverso i nostri piccoli, importantissimi, passi. Le “Guidelines on the Use of Market-based Instruments to Address the Problem of Marine Litter” è in realtà un rapporto sullo stato dei rifiuti nel mare ed è indirizzato a chi si occupa di debellare il problema efficacemente, politici e comunità. Per questo, la relazione fornisce una panoramica di strumenti economici e di strategie che favoriscano un cambiamento di comportamento che porterà ad effetti positivi, benefici e duraturi sull’ambiente marino e costiero.

I rifiuti possono comportare perdite nella biodiversità, ma anche perdite economiche: meno turismo, meno pesca o altre attività. Questi problemi possono essere affrontati anche con strumenti di mercato: tasse, sanzioni, sussidi ed incentivi.

L’UNEP ha portato all’attenzione 23 casi di successo, dagli incentivi per i pescatori che raccolgono i rifiuti (Hawaii) e sui vuoti a rendere (Germania, Malta e Danimarca), alle tasse sui contenitori per le bevande (Norvegia), ai contributi per i produttori, agli obblighi per i commercianti nei parchi statunitensi di fornire esclusivamente piatti e posate biodegradabili.

Un compendio di buone pratiche e di buone decisioni, alcune delle quali applicabili ovunque, anche in Italia.

Roma Moto Days

Al Motodays 2020 va in scena la mobilità elettrica

Cosmoprof 2020

Scarica la guida sulla clean beauty, il futuro della cosmesi è green

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook