Il buco dell’ozono è ai minimi storici, ma non è una buona notizia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il buco dell’ozono si sta riducendo e, passando dai 16 ai 10 milioni di chilometri quadrati in un mese, ha toccato i minimi storici registrati dal 1982.

A dirlo sono gli scienziati della Nasa e del National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti, che hanno effettuato le misurazioni sull’Antartide nei mesi di settembre e ottobre.

Potrebbe sembrare un’ottima notizia, poiché l’ozonosfera è deputata a proteggerci dai raggi solari dannosi, ma secondo gli esperti il restringimento del buco dell’ozono è solo un’altra delle tante conseguenze della crisi climatica.

L’ozono viene infatti distrutto attraverso reazioni chimiche che coinvolgono il cloro e il bromo. Lo strato di ozono aveva iniziato ad assottigliarsi intorno agli anni ‘70, proprio a causa dell’emissione da parte dell’uomo di gas contenenti questi composti.

Oggi però il buco dell’ozono non si sta riducendo per una diminuzione dei cloro e bromo bensì per un aumento di ozono causato dalle temperature elevate. Un aumento delle temperature determina infatti una riduzione delle reazioni tra ozono, cloro e bromo con un conseguente aumento di ozono in atmosfera.
Dunque il buco dell’ozono si starebbe rimpicciolendo a causa del riscaldamento globale e delle temperature particolarmente alte che hanno caratterizzato la scorsa estate.

Negli ultimi 40 anni questa è la terza volta in cui avviene che temperature elevate determinino un aumento dell’ozono, ma è la prima volta che il buco dell’ozono si rimpicciolisce così tanto.

Le temperature record dei mesi scorsi nella stratosfera sopra l’Antartide hanno provocato una drastica riduzione delle perdite di ozono, tanto da far rilevare tra settembre e ottobre il buco dell’ozono più piccolo misurato dal 1982 a oggi.

Gli scienziati si aspettano che il buco dell’ozono si riduca alle dimensioni rilevate prima del 1980 verso il 2070 circa, ma questo dovrebbe avvenire a causa della diminuzine dei prodotti chimici che che lo hanno causato, oggi vietati dal protocollo di Montreal.
Il fatto che il buco dell’ozono si riduca invece a causa del riscaldamento globale, purtroppo non è un buon segno.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Photo credit: NASA ozone Watch

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook