Referendum trivelle, un solo election day: no all’inutile spreco di denaro pubblico (PETIZIONE)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Due volte alle urne, no grazie. Il referendum contro le trivellazioni in mare e le elezioni amministrative dovrebbero coincidere. Per questo, dopo la decisione del Consiglio dei Ministri di fissare il referendum al 17 aprile prossimo, la società civile, i giornali e le associazioni sono scesi in campo per di no a questo.it.

Accorpare il referendum alle amministrative avrebbe permesso di risparmiare qualcosa come 350 milioni di euro. Qual è dunque il motivo per spendere questa cifra quando invece potrebbe essere fatto tutto in unico turno di votazioni?

Lasciamo che ognuno dia la risposta che crede ma non è difficile immaginare che durante le amministrative l’affluenza alle urne sia decisamente più elevata rispetto a quella di un referendum. Per questo, la società civile si è già messa in moto inviando una lettera, sottoscritta anche da GreenMe.it, al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. L’obiettivo è:

“chiedere al Governo di rivedere il provvedimento in favore di un election day che accorpi il voto alla prossima tornata elettorale delle amministrative e non firmare la deliberazione governativa che istituisce la data del 17 aprile per il voto referendario”.

Perché un unico election day? In primo luogo, per salvaguardare la democrazia e la partecipazione, che dovrebbero caratterizzare un voto popolare, quale quello di un referendum abrogativo. In secondo luogo, per risparmiare tra i 350 e i 400 milioni di euro, denaro pubblico che potrebbe essere impiegato per meglio garantire diritti essenziali alla popolazione italiana.

Ora la Corte costituzionale dovrà esprimersi su due conflitti di attribuzione, la cui ammissibilità sarà valutata e decisa a breve. Qualora il giudizio della Corte dovesse essere positivo, il referendum potrebbe svolgersi su tre quesiti, e non solo su uno. Ciò significa che, oltre al 17 aprile, gli italiani potrebbero addirittura tornare alle urne sempre sulla questione trivelle in una terza data.

trivelle 17aprile

trivelle 17aprile2

Insomma, una situazione davvero assurda, che sembra salvaguardare più gli interessi delle lobby fossili che le volontà degli Italiani (tanto per cambiare). Ecco perché dobbiamo farci sentire. Cosa possiamo fare? Intanto, è possibile firmare una petizione per chiedere al governo Renzi un unico election day:

“Per affossare il referendum e difendere le lobby fossili è disposto a sprecare centinaia di milioni di euro dei cittadini italiani. Diciamolo chiaramente: non si può fare. Firma per chiedere anche tu al premier Renzi e al ministro degli Interni Alfano di rispettare lo spirito democratico e non sperperare i nostri soldi”.

Per firmare la petizione clicca qui

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

REFERENDUM TRIVELLE, SI VOTA IL 17 APRILE: IL REGALO DEL GOVERNO ALLE LOBBY FOSSILI

PETROLIO, STOP ALLE TRIVELLE NEI NOSTRI MARI. SI VA AL REFEREDUM

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook