Referendum 12-13 giugno 2011: i 5 migliori spot e le parodie più divertenti che invitano a votare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ci siamo! Mancano appena due giorni al referendum del 12 e 13 giugno 2011. Dopo tante polemiche, incertezze sui quesiti, ma anche blitz, e iniziative ah hoc, oggi chiude ufficialmente la campagna referendaria e dopodomani tutti al voto! Come abbiamo visto più volte, la RAI non ha certo agevolato l’informazione sulla corretta modalità di voto e i cittadini per capire i quesiti e le varie posizioni hanno “fatto da sé” cercando sul web le notizie riguardanti la consultazione.

Ed è così che sono nate applicazioni per cellulari, e-book e speciali su tutti i siti per spiegare il referendum, ma, come ormai spesso accade, è su Youtube che si è giocata la battaglia principale con video e spot refenderi fatti sia dalle associazioni che da liberi cittadini. Molti di questi hanno giocato sulle parodie e sulla satira, a partire dallo spot di Guzzanti che sta spopolando in rete e di cui ieri vi abbiamo omaggiato, ma che non ci stancheremo mai di riproporre:

Oltre a Guzzanti, però sul web circolano, amplificati dal passaparola dei social network, altre parodie e spot divertenti che, con ironia e creatività, invitano ad andare a votare e a farlo correttamente. Ne abbiamo scelti 5.

1) Karaoke Daitarn III: Firman

Facendo appello ai nostri ricordi di bambini, per invitare ad ad andare a votare e raggiungere il quorum, questo spot riprende la canzone di Daitan III e in una sorta di Karaoke “militante” alterna immagini e parole che inneggiano a “Firman” e “Referend”, l’unico in grado di difendere il nostro futuro e la costituzione.

2) Orgasmo referendario:

La leggendaria scena di “Harry ti presento Sally” in cui viene simulato un orgasmo viene contestualizzata in modo tale da indicare cosa votare ai referendum…indovinate un po?

3) L’Ultimo Voto

In questo spot realizzato da TKVideo ed E20webTv in collaborazione con Ass. IdeaLibera, si ironizza sull’errore del TG! (commesso tra l’altro anche da un servizio del TG2) sui giorni del referendum che non sono il 13 e 14 come dichiarato da quello che dovrebbe essere il notiziario del servizio pubblico, ma il 12 e 13 giugno. Anche un voto è fondamentale!

4) I Video de Gli Sgommati:

Gli sgommati, il talk show satirico di Sky Uno, in onda dal lunedì al Venerdì alle 21 ha creato un vero e proprio fenomeno: gli Sgommati che con i loro personaggi, dalla Sora Cesira alle varie caricature dei politichi hanno dato un prezioso contributo alla diffusione di notizie sul referendum e l’invito esplicito a votare. Non ci credete? Guardate un po’:

4.a) Sora Cesira rivisita Madonna e canta “Vote”

4.b) Bindi e Santanchè cantano “Referendum” sulle note di “Tuca Tuca”

5) I tre spot satirici di Sandrinatube

Sandrinatube, conosciuta agli internauti per la parodia di “Paint your life” ha realizzato tre spot satirici su ciascun argomento del referendum spiegato utilizzando come “metafora” Anna, una bambina ambiziosa e cattivella che ricorda “vagamente” qualcuno:

5a) Spot nucleare

5b) spot acqua

5c) Spot leggittimo impedimento

Avremmo anche voluto farvi vedere il PornoSpot (“pornoreferendum) realizzato dai Verdi per promuovere i referendum, ma visti i contenuti Youtube l’ha censurato. A domostrazione del fatto che non sempre il sesso paga. L’ironia si. E anche voi perché la democrazia ha bisogno di tutti:

Simona Falasca

Leggi tutti i nostri articoli sui referendum 2011

Leggi tutti i nostri articoli sul referendum nucleare

Leggi il nostro approfondimento sui referendum del 12/13 giugno 2011

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook