Mediterraneo: recuperate in un anno 6 tonnellate di “reti fantasma” dai fondali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Migliaia di metri quadrati di reti da pesca vengono trasportate dalle correnti e giacciono sui fondali del Mediterraneo, abbandonate per sbaglio o intenzionalmente in secoli di storia marinara.

Le ”reti fantasma” costituiscono un problema di dimensioni enormi, che cresce mano a mano che le flotte di pescherecci aumentano e peggiora con l’adozione di tecniche di pesca sempre più aggressive.

Queste reti abbandonate, infatti, continuano a pescare in modo passivo e senza controllo, intrappolando pesci, tartarughe, cetacei, uccelli marini che predano gli animali acquatici.

La presenza di reti e di altri attrezzi da pesca in acqua e sui fondali contribuisce inoltre a minacciare la biodiversità e ad alterare l’habitat marino, danneggiandolo fisicamente e funzionalmente, anche attraverso il rilascio di pericolose microplastiche.

Non vanno poi sottovalutati i rischi per chi pratica attività in acqua e per la navigazione; le reti fantasma non sono segnalate e possono impigliarsi alle eliche, causare danni alle imbarcazioni o ferire bagnanti e sub.

Per tutti questi motivi, un anno fa è stato avviato ‘Reti fantasma’, iniziativa nata per liberare i nostri mari da reti da pesca abbandonate sui fondali marini, che rientra nel progetto “PlasticFree” per contrastare la dispersione di plastiche e microplastiche nelle acque dei nostri mari.

Pochi giorni fa sono arrivati i risultati dell’attività che ha coinvolto Nuclei subacquei della Guardia Costiera nelle operazioni di pulizia dei fondali degli ultimi dodici mesi: in un anno, sono state rimosse 6 tonnellate di reti fantasma disperse in mare, una quantità pari a circa 200 mila bottiglie di plastica.

“L’attività condotta dai Nuclei subacquei della Guardia Costieraha portato alla rimozione dai fondali marini di 6 tonnellate di plastiche disperse in mare pari, a titolo esemplificativo, a circa 200mila bottiglie di plastica in abbandono sui fondali marini.
Un risultato importante se pensiamo che le reti fantasma sono responsabili dell’alterazione dell’ecosistema marino per la dispersione nell’ambiente delle micro-particelle sintetiche delle quali sono composte”, ha spiegato il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa.

L’attività di rimozione delle reti fantasma è iniziata a luglio dello scorso anno e ha previsto una fase preliminare per raccogliere informazioni sulla collocazione delle reti e mappare i fondali. Dopodiché si è iniziato a recuperare le reti e l’operazione di pulizia durerà ancora per diversi mesi, così come proseguirà la campagna di sensibilizzazione sul tema, portata avanti dal Ministero dell’Ambiente e dal Comando Generale della Guardia Costiera.

Fonti di riferimento: Ministero dell’Ambiente/Life Ghost

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook