Record storico di caldo nella Death Valley: sfiorati i 55 gradi, mai cosi tanto dal 1913

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mentre cerca di domare il tornado di fuoco, la California sperimenta il più grande caldo mai registrato dal 1913: nella Death Valley sfiorati 55 gradi. Il preoccupante record è stato segnalato dal National Weather Service nei pressi del Visitors Center di Furnace Creek.

È il 16 agosto alle 15.41 ora locale e il sistema automatico di rilevazione temperatura del National Weather Service segna 54.4°C, una temperatura atroce, mai così alta dal lontano luglio 1913, sempre nella Death Valley. Il dato è considerato ancora preliminare e non è stato ancora ufficializzato, ma gli scienziati lanciano (ancora una volta) l’allarme cambiamenti climatici.

Proprio perché si parla di un (preoccupante) record indice di un evento estremo, sarà convocato a breve il Climate Extremes Committee, panel di esperti che dovrà confermare la lettura, che lo strumento ha segnalato in gradi Fahrenheit, scala che si usa nel mondo anglosassone, in particolare 130, che corrispondono appunto a 54.4°C.

La California sta vivendo dei giorni drammatici. Un raro tornado di fuoco generato da un incendio si è abbattuto infatti lo scorso sabato nelle regioni settentrionali. Il fenomeno, abbastanza insolito, viene innescato da un incendio, in questo caso sviluppato venerdì nei pressi di Loyalton, nella Contea di Sierra.

Ma poi è il caldo eccessivo, i venti turbolenti e il terreno irregolare a scatenare il tornado vero e proprio, che si propaga mentre le vegetazione brucia, alimentato dai gas rilasciati dall’incendio iniziale che è stato contenuto solo per il 5%, divorando per ora quasi 81 chilometri quadrati di terreno in poco tempo.

E ora arriva questa notizia: lo stesso Stato USA registra un record di temperatura che lancia l’ennesima allerta sui cambiamenti climatici.

Quanti altri allarmi dobbiamo ricevere prima che venga fatto davvero qualcosa per fermare il disastro?

Fonti di riferimento: Iowa State University / National Weather Service/Twitter

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook