Le lobby del petrolio stanno raffreddando il terreno dell’Artico per evitare lo scioglimento e continuare a perforare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Raffreddare il terreno per continuare a estrarre petrolio nell’Artico, una soluzione paradossale utilizzata già dal settore petrolifero ma che si sta diffondendo sempre di più. I cambiamenti climatici stanno mettendo a rischio anche gli interessi delle compagnie petrolifere.

Lo sa bene la ConocoPhillips che si è ritrovata a fronteggiare un problema. Voleva pompare 160.000 barili di petrolio in più al giorno da un nuovo progetto sul versante settentrionale dell’Alaska. Ma i combustibili fossili che essa e altri producono stanno portando al riscaldamento globale e l’Artico si sta sciogliendo. La stessa infrastruttura di perforazione dell’azienda potrebbe essere a rischio in caso di disgelo e di permafrost instabile. Che fare? La risposta sarebbe ovvia, ma purtroppo la soluzione dell’azienda va verso tutt’altra direzione.

Abbandonare o ridurre le estrazioni, o riconvertire la produzione di energia sembrerebbe ovvio e certamente la soluzione migliore per l’ambiente ma una recente analisi ambientale del progetto presentato da ConocoPhilips al Governo Usa descrive la proposta dell’azienda: usare appositivi dispositivi per raffredderare il terreno sotto le proprie strutture, isolandole dagli effetti della crisi climatica.

Un paradosso se si pensa che proprio le emissioni legate alle fonti fossili stanno alimentando i cambiamenti climatici e il riscaldamento globale. La ricerca di petrolio non vuole dunque considerare gli effetti nefasti che produce ma punta a trovare nuove misure per proteggere le apparecchiature dai pericoli dello scioglimento del permafrost e dall’aumento delle precipitazioni, entrambi risultati legati all’aumento delle temperature artiche tre volte più veloce rispetto alle medie mondiali.

Le tecnologie al servizio delle lobby per contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici

Dalla Norvegia alla Russia, tante sono le nuove attività estrattive ma in particolare l’amministrazione di Donald Trump ha favorito l’esplorazione, la ricerca e l’estrazione di petrolio in un territorio delicato come l’Alaska. Proprio qui, gli Usa di recente hanno dato il via libera ad aprire una parte del rifugio nazionale della fauna selvatica artica all’industria petrolifera. E le trivellazioni si stanno espandendo sempre di più.

In mezzo a questo rapido cambiamento, l’industria petrolifera sta vivendo una rinascita nella regione, in parte grazie alle tecnologie che consentono alle infrastrutture di resistere ai cambiamenti climatici.

Una società dell’Alaska, la BeadedStream, vende apparecchiature che misurano e trasmettono i dati sulla temperatura della tundra, in modo che l’industria petrolifera possa sapere non appena essa è congelata e solida al punto da poter trasportare le attrezzature. Un’altra azienda, l’Arctic Foundations sta facendo affari vendendo i tubi che estraggono il calore dal terreno per impedire che il permafrost si scongeli sotto l’infrastruttura petrolifera. Un po’ quello che suggerisce la ConocoPhillips.

Le reazioni

Non sono mancati i commenti, perlopiù sarcastici, sui social da parte di associazioni e organizzazioni.

Amaro e ironico il tweet di Greenpeace:

“Nuove assurdità da Big Oil”, ha detto l’Energy Watch Group. “Cosa fai quando l’Artico si sta sciogliendo, minacciando la tua infrastruttura di perforazione, ma davvero non vuoi smettere di perforare?” ha chiesto, offrendo questa risposta sarcastica: “Bene, raffreddare il terreno sotto l’infrastruttura e continuare a perforare”.

“Una compagnia petrolifera che raffredda il terreno per mantenerlo congelato in modo che possa continuare a perforare mentre si scioglie a causa della sua incoscienza è un regno completamente nuovo di stupida idiozia”, ha twittato Brendan May, che presiede la società di consulenza sulla sostenibilità Robertsbridge.

“Lascia che #BigOil neghi i cambiamenti climatici ma poi impieghi attrezzature per combatterli in modo che possa continuare a perforare ll’Artico”, ha twittato in risposta il Western Values ​​Project.

Soluzioni che fanno rabbrividire e che vogliono ignorare, chiaramente in nome del profitto, i danni che stanno continuando a infliggere al Pianeta.

Fonti di riferimento: U.S. Department of the Interior Bureau of Land Management

LEGGI anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook