Ponte Morandi, c’è amianto tra le macerie

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Amianto tra le macerie del ponte Morandi. Un altro retroscena amaro si affianca alla tragedia che si è consumata il 14 agosto a Genova. Tra i resti del viadotto sono state trovate tracce del pericoloso materiale.

A denunciarlo in un video è stato Costantino Saporito, del sindacato Usb Vigili del fuoco.

“C’è presenza di amianto tra i detriti del viadotto Morandi di Genova, che mette a rischio la salute pubblica e quella dei soccorritori che, nel caso dei vigili del fuoco, sono i primi esposti a eventuali contaminazioni. Fino alla fine degli anni Novanta, sappiamo che l’amianto era una presenza rilevante nella costruzioni e da Amatrice in poi in caso di terremoti o crolli di edifici con sospetta presenza di amianto, le procedure per la salvaguardia non vengono applicate. Questo vale anche per Genova, oggi, che dal crollo del ponte Morandi è immersa in uno scenario fatto di polveri e detriti”.

Secondo l’assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone, le analisi finora effettuate da Asl e Arpal sul materiale risultato dal crollo hanno dato esito negativo.

Per Saporito, l’amianto non proviene dal ponte e dalla sua struttura ma dai magazzini crollati dopo la caduta del viadotto.

Rimane il fatto che le polveri sprigionate siano un rischio sia per la popolazione di Genova che per i Vigili del fuoco e gli altri corpi, volontari e non, che stanno lavorando alla rimozione delle macerie.

Come aiutare

È ancora possibile offrire il proprio aiuto sia come volontari che donando abiti e altro. Per coordinare il volontariato è stato istituito un ufficio del Comune di Genova in collaborazione con le associazioni.

“Per tutte le informazioni è possibile inviare una mail a [email protected]. Chiunque desideri offire beni diversi da quelli in elenco o rendersi disponibile per dare supporto, può comunque contattare l’Ufficio che valuta la proposta indicata e organizza in maniera efficace la rete di solidarietàsi legge sul sito ufficiale.

Le necessità riguardano invece: arredamento e suppellettili, vestiario, libri e materiale scolastico e anche disponibilità di locali dove immagazzinare le donazioni.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto: VVF

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook