@Gabriele Lopatriello Meteo/Facebook

Le polveri tossiche dell’ex Ilva si sono sollevate in aria. Taranto è avvolta da una inquietante nube rossa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Forte vento e pioggia battente. Il maltempo che sta colpendo tutta Italia in queste ore ha un risvolto davvero inquietante a Taranto. Le polveri dell’ex Ilva si sono sollevate in aria e hanno creato una inquietante nube rossa che sta avvolgendo la città, e in particolare il martoriato quartiere Tamburi.

Sui social si stanno moltiplicando proprio adesso i video e le testimonianze dei cittadini e dei movimenti anti Ilva, che attribuiscono l’evento proprio all’inadeguatezza della copertura dei parchi minerali.

E non è ovviamente la prima volta che accade…

“Queste polveri arriveranno lontano, non solo sul quartiere Tamburi! Ecco a voi il più bell’impianto d’Europa”, si legge su Facebook.

“Immaginate di guardare il cielo con paura , che quelle strane nuvole vi fanno stringere il cuore, vi fanno sentire colpevoli di qualcosa di cui non avete colpa. Nessuno tranne i tarantini può spiegare il mix di sensazioni che si prova. Noi possiamo informare, insistere nel raccontare e la politica dovrebbe fare qualcosa. Ma questo ultimo passaggio manca, manca da troppo tempo, anzi forse non c’è mai stato”, aggiunge Alessio Giannone, noto anche con lo pseudonimo di Pinuccio, personaggio televisivo e youtuber italiano.

Immagini davvero terribili. I danni sono incalcolabili e viene da chiedersi cosa sarà dei luoghi in cui queste polveri si poseranno appena il vento si calmerà…

Le polveri assassine sparse ovunque…

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook