Il Polo Nord potrebbe sparire entro quest’anno?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Polo Nord potrebbe scomparire quest’anno o al massimo entro l’inizio del 2017. A dare questa notizia allarmante è Peter Wadhams, professore Polar Ocean Physics Group dell’Università di Cambridge.

Secondo Wadhams che studia da anni i mutamenti climatici dell’Artico, non ci sono buone notizie. Gli ultimi dati del National Snow and Ice Data Centre parlano chiaro: la superficie ghiacciata del Polo si è ridotta a 11,1 milioni di chilometri quadrati, a differenza della media degli ultimi 30 anni che si aggira intorno ai 12,7.

Facendo un semplice calcolo, dunque, in un lasso di tempo relativamente breve si è sciolto un perimetro di ghiaccio pari a cinque volte l’Italia. È per questo motivo che il professor Wadhams ipotizza presto una catastrofe:

“La mia previsione è che il ghiaccio artico scompaia del tutto o si riduca a meno di un milione di chilometri quadrati. Anche se le mie idee dovessero rivelarsi sbagliate, certamente quest’anno raggiungeremo un record negativo, scenderemo sotto i 3 milioni di chilometri quadrati, cifra che sarà abbattuta il prossimo anno”, ipotesi che già aveva avanzato in uno studio pubblicato su Nature nel 2012.

Docente di Oceanografia fisica, lo studioso ha guidato 40 spedizioni polari notando che lo scioglimento dei ghiacci è un fenomeno abbastanza evidente. Già lungo la costa russa, il ghiaccio non si forma più da tempo, la conseguenza è che il riscaldamento delle acque dell’Artico e dei fondali potrebbe liberare il metano rimasto congelato per millenni.

Questa fuga di metano, secondo Wadhams, potrebbe causare un riscaldamento della temperatura globale di 0,6 gradi in soli cinque anni. Il risultato? Inondazioni, instabilità meteorologica, cicloni e tornado fuori stagione; aumento del livello dei mari e il cambiamento del ciclo delle correnti a causa dell’acqua dolce immessa negli oceani.

Mentre gli altri scienziati appaiono più prudenti, si condividono le preoccupazione del professor Wadhams, la scomparsa del Polo Nord sarebbe una catastrofe mondiale. Una minaccia per moltissimi animali, tra cui l’orso bianco.

Dominella Trunfio

Foto

LEGGI anche:

POLO NORD: I GHIACCI ARTICI SPARIRANNO ENTRO IL 2020

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook