Polistirolo nell’Artico: trovati due grossi pezzi tra i ghiacci del Polo Nord

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una massa bianca al Polo Nord. Non è ghiaccio ma plastica, anzi polistirolo. La nostra spazzatura si spinge fino ai confini del mondo. Non ce ne stupiamo ma a rivelarlo è stato uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Exeter, che hanno avvistato la plastica durante una delle loro missioni nell’Artico.

Il polistirolo è stato avvistato su una lastra di ghiaccio a circa 1500 km dal Polo Nord. Si tratta dell’avvistamento di spazzatura più a nord mai registrato.

La scioccante scoperta mostra quanto lontano l’inquinamento plastico si sta diffondendo, confermando molti dei timori che circolano sul riscaldamento globale e sui cambiamenti climatici. L’innalzamento globale delle temperature infatti sta accelerando lo scioglimento dei ghiacci polari, che a loro volta stanno rilasciando le materie plastiche finora rimaste sepolte nell’ambiente artico.

Il gruppo di scienziati guidato dal biologo marino Tim Gordon dell’Università di Exeter ha effettuato indagini su due barche a vela durante la “Arctic Mission” di Pen Hadow, noto esploratore polare.

La spedizione pionieristica si è spinta nelle acque internazionali nel Mar Glaciale Artico, ben oltre rispetto a qualsiasi altra imbarcazione. E la motivazione è presto detta: le recenti riduzioni della copertura del ghiaccio estivo hanno permesso agli scienziati di spingersi ancora di più verso nord. Secondo quanto riportato dallo studio, i tassi di fusione del ghiaccio sono aumentati drasticamente a causa dei cambiamenti climatici, con il 40% del Mar Glaciale artico ora navigabile nei mesi estivi.

Durante la navigazione, il team dell’Arctic Mission ha scoperto due grossi blocchi di polistirolo in aree che che si trovavano a centinaia di chilometri da terra e che fino a qualche tempo fa erano interamente ghiacciate per tutto l’anno.

I grandi pezzi di plastica sono pericolosi anche perché possono rompersi e dare vita a microplastiche, minuscole particelle che vengono ingerite dagli animali, entrando pericolosamente nella catena alimentare.

Pen Hadow ha rivelato di non aver mai visto blocchi di rifiuti di plastica a quelle latitudini: “In 25 anni di esplorazioni nell’Artico non ho mai visto pezzi di spazzatura così grandi”.

“Trovare pezzi di spazzatura come questi è un segno preoccupante” ha aggiunto Tim Gordon.

LEGGI anche:

Il gruppo di ricerca adesso sta esaminando i campioni d’acqua prelevati durante la spedizione per valutare la presenza di microplastiche inferiori a 5 mm.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook