14 milioni di tonnellate di microplastiche sono (irrimediabilmente) depositate sul fondo dell’oceano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non solo in superficie. Sul fondo del mare sono presenti 14 milioni di tonnellate di microplastiche, più del doppio della quantità di inquinamento da plastica stimato sulla superficie dell’oceano. La CSIRO, l’agenzia scientifica nazionale australiana, ha fornito la prima stima globale in assoluto delle microplastiche presenti sui fondali.

E i numeri sono spaventosi. Secondo Justine Barrett di Oceans and Atmosphere del CSIRO, che ha guidato lo studio pubblicato oggi, la ricerca da una parte ha ampliato la nostra comprensione sulla quantità di inquinamento da plastica negli oceani, dall’altra ha mostrato ancora una volta l’impatto degli oggetti in plastica, sia grandi che piccoli.

“L’inquinamento da plastica che finisce nell’oceano si deteriora e si decompone, finendo per diventare microplastica”, ha detto Barrett. “La nostra ricerca fornisce la prima stima globale della quantità di microplastica presente sul fondo marino. I risultati mostrano che le microplastiche stanno davvero sprofondando sul fondo dell’oceano”.

Milioni di tonnellate di plastica entrano ogni anno nell’ambiente marino e si prevede che le quantità aumenteranno nei prossimi anni, nonostante la maggiore attenzione al problema e al suo impatto non solo sugli ecosistemi marini ma anche sulla salute umana.

Per la nuova ricerca, sono stati raccolti dei campioni utilizzando un sottomarino robotico a una profondità di 3000 metri in siti fino a 380 chilometri al largo dell’Australia meridionale. È emerso che la quantità di microplastiche registrata era 25 volte superiore rispetto ai precedenti studi in acque profonde ed era pari a 14 milioni di tonnellate.

Sulla base dei risultati delle densità di plastica delle acque profonde, gli scienziati hanno effettuato una stima globale della loro presenza sui fondali marini di tutto il pianeta giungendo alla conclusione che le profondità dell’oceano sono “un pozzo di microplastiche”.

Inoltre, secondo gli scienziati, il numero di frammenti di microplastica sul fondo del mare era generalmente più alto nelle zone dove c’erano anche più rifiuti galleggianti.

“Siamo rimasti sorpresi nell’osservare elevati carichi di microplastica in una posizione così remota. Identificare la quantità e le zone in cui la microplastica è presente, permette di dare un quadro migliore dell’entità del problema. Questo aiuterà a pianificare le strategie di gestione dei rifiuti e creare cambiamenti comportamentali e opportunità per impedire che la plastica e altri rifiuti entrino nel nostro ambiente” spiegano.

Secongo la Csiro, però, deve esserci un cambiamento radicale che parta dal singolo cittadino.

“Tutti possiamo aiutare a ridurre la plastica che finisce nei nostri oceani evitando gli oggetti monouso, sostenendo le industrie  del riciclaggio e dei rifiuti e smaltendo i nostri rifiuti con attenzione in modo che non finiscano nell’ambiente. Il governo, l’industria e le comunità devono lavorare insieme per ridurre in modo significativo la quantità di rifiuti che vediamo lungo le nostre spiagge e nei nostri oceani”.

Prima che sia troppo tardi…

Fonti di riferimento: Csiro

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook