Quasi 200mila tonnellate di plastica europea sono finite nel mare asiatico. Lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un volume consistente di plastica proveniente da paesi europei come UE, Regno Unito, Svizzera e Norvegia contribuisce all’inquinamento oceanico del sud-est asiatico. E’ quindi, il riciclaggio esportato, a rappresentare una minaccia per molte coste.

A stabilirlo è una nuova ricerca di NUI Galway e dell’Università di Limerick che stabilisce che, il 46% dei rifiuti di plastica differenziata in Europa, viene esportato al di fuori del paese di origine, per migliaia di chilometri e in paesi dove c’è una pratica di gestione di smaltimento inadeguata.

Così, secondo i ricercatori, una parte sostanziosa dei rifiuti viene rifiutata dalle strutture locali e senza il corretto smaltimento, questa mole va a contribuire all’inquinamento oceanico.

“Dato che viene esportata una mole così grande di rifiuti destinati al riciclo, con scarsa tracciabilità a valle, questo studio suggerisce che fino al 31% della plastica esportata non è stata effettivamente riciclata”, spiega David Styles, docente all’Università di Limerick e coautore dello studio. Lo scenario non è incoraggiante, secondo i ricercatori nel 2017 tra le 32115 e le 180558 tonnellate (equivalenti all’1-7%) di tutto il polietilene europeo esportato, è finito nell’oceano.

Il polietilene è uno dei tipi più comuni di plastica in Europa. La domanda di plastica europea per tipo di polimero di polietilene a bassa densità (LDPE) e polietilene ad alta densità (HDPE) è stata rispettivamente del 17,5% e del 12,3%, di tutte le materie plastiche prodotte nel 2016 (PlasticsEurope, 2018).

I risultati mostrano che paesi come il Regno Unito, la Slovenia e l’Italia stanno esportando una quota maggiore di plastica al di fuori dell’Europa e vedono una quota maggiore dei loro rifiuti di plastica riciclabile finire come detriti oceanici. Un vero e proprio disastro ambientale. Da anni parliamo di come la plastica stia distruggendo la biodiversità e soffoca pesci e tartarughe marine.

Plastica che si trasforma in microplastica e viene scambiata per cibo finendo per uccidere centinaia di animali. Secondo George Bishop, autore principale dello studio:“I risultati indicano un importante e precedentemente non documentato percorso di detriti di plastica che entrano negli oceani, che avrà notevoli impatti ambientali e sociali sugli ecosistemi marini e sulle comunità costiere”.

Utilizzando dati dettagliati sul commercio internazionale e dati sulla gestione dei rifiuti nei paesi di destinazione, lo studio ha tracciato il destino di tutto il polietilene esportato per il riciclaggio dall’Europa: conversione in resine riciclate, incenerimento o detriti nell’oceano. Per questo, secondo lo studio per parlare veramente di economia circolare, i paesi e le società di gestione dei rifiuti devono essere ritenuti responsabili per il destino finale dei rifiuti riciclati.

plastica mare

@Science Direct

“Il nostro studio -si legge ancora- evidenzia la mancanza di dati disponibili sui rifiuti di plastica e la necessità di prendere in considerazione, percorsi di audit estesi delle attività di riciclaggio come parte delle normative emergenti sul commercio dei rifiuti di plastica”.

Gli autori avvertono che i risultati non devono in alcun modo scoraggiare le persone a riciclare in quanto rimane il miglior trattamento di gestione dei rifiuti, a livello ambientale. Tuttavia, c’è un lavoro considerevole da fare per migliorare gli aspetti di queste catene di riciclaggio della plastica, per ridurre la “perdita” di questi sistemi.

Fonti: Science Direct/Science Daily

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook