Piante rimaste ibernate tornano in vita dopo 400 anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sepolte sotto i ghiacciai artici continuano a resistere, a vivere. Fino ad oggi. Sono le briofite, dei muschi ibernati per quattro secoli nella zona attorno al ghiacciaio Teardrop, nell’Artico canadese. A scoprirli Catherine La Farge, esperta di botanica della University of Alberta durante uno studio nell’Artico.

Un vero e proprio miracolo, quello a cui la scienziata ha assistito. Il particolare tipo di muschio, privo di tessuto vascolare, è rimasto nascosto a lungo continuando a vivere e soprattutto ad accennare una forma di riproduzione. La scoperta è dovuta, ahinoi, al ritiro del ghiacciaio Teardrop, sopratutto nel corso degli ultimi anni. Dal 2004 ad oggi il tasso di fusione del ghiaccio è accelerato di 3-4 metri all’anno. Ciò ha esposto alla luce del giorno delle aree a lungo sepolte fin dai tempi della piccola era glaciale, il periodo tra il 16° e 19° secolo, in cui a causa dell’abbassamento delle temperature globali si formarono imponenti ghiacciai, che coprirono varie regioni dell’emisfero settentrionale.

Stavamo camminando lungo il bordo del ghiacciaio e abbiamo visto queste enormi popolazioni uscire fuori dal ghiaccio, sembravano avere un forte colore verde“, ha detto alla BBC Catherine La Farge, autore principale dello studio. Il ritrarsi del ghiacciaio ha fatto sì che gli steli e le foglie di briofite tornassero letteralmente alla luce. Non si tratta di una pianta qualunque, ma della prima ad essersi adattata alla vita sulla terraferma.

Finora, della crescita delle piante vicino ai margini dei ghiacciai era considerata responsabile la vegetazione circostante. Tuttavia, usando la datazione al radiocarbonio, La Farge ed i collaboratori hanno scoperto che il verde che emergeva fuori da Teardrop non era affatto recente ma aveva tra i 400 e 600 anni di età. Da qui l’idea che le piante fossero rimaste sepolte durante la piccola era glaciale, tra il 1550 e il 1850.

Sappiamo che le briofite possono rimanere dormienti per molti anni (per esempio, nei deserti) e poi vengono ‘riattivate’, ma nessuno si aspettava che fossero ancora giovani dopo quasi 400 anni sotto un ghiacciaioha commentato La Farge. “Ogni cellula di briofita può riprogrammare se stessa per avviare lo sviluppo di una nuova pianta. Ciò equivale alle cellule staminali nei sistemi faunistici”. Miracoli della Natura, a cui difficilmente ci abitueremo: “C’è tutto un mondo che sta venendo fuori da sotto i ghiacciai e che ha davvero bisogno di essere studiato”.

Lo studio è stato pubblicato su Pnas.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

C’è vita sotto i ghiacci dell’Artico. Scoperta fioritura di fitoplanton

Global Warming: l’Artico diventerà navigabile entro il 2060

Scoperta la proteina che fa respirare le piante sott’acqua, in assenza di ossigeno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook