Pfas: l’Onu chiede la messa al bando totale di Pfoa e Pfos

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Comitato dell’Onu per gli inquinanti chiede la messa al bando totale di Pfoa e Pfos, le diffusissime sostanze chimiche alla base, ad esempio, delle padelle antiaderenti, ma anche in imballaggi e tappeti.

Padelle antiaderenti e non solo: le sostanze chimiche presenti anche negli imballaggi o nei tappeti, per esempio, sono accusate di aumentare i rischi di cancro e di altre patologie.

È per questo che, in una decisione annunciata la settimana scorsa, un gruppo di esperti delle Nazioni Unite incaricato di decidere quali sostanze chimiche dovrebbero essere bandite a livello mondiale nell’ambito della Convenzione di Stoccolma ha deciso di aggiungere PFOA e PFOS all’elenco.

Queste due sostanze chimiche, entrambe della famiglia degli PFAS, acidi perfluoroacrilici, sono al centro del più grande scandalo di contaminazione dell’acqua potabile in una generazione negli Stati Uniti e, più recentemente, in Australia, dove le città lo trovano nelle loro riserve dìacqua vicino a basi militari e vecchi fabbriche. Ma anche qui in Italia hanno inquinato le falde acquifere del Veneto come emerso pure dalle analisi Greenpeace Italia lo scorso anno.

Le sostanze chimiche PFAS sono state collegate a una serie di rischi per la salute tra cui cancro, problemi del sistema immunitario e problemi di sviluppo nei feti. Sono in particolare i composti cosiddetti perfluoroalchilici (PFAS), che hanno anche la capacità di portare a un aumento di peso più rapido.

Nello specifico, il gruppo di esperti ONU – il comitato di revisione della Convenzione di Stoccolma sugli inquinanti organici persistenti – ha raccomandato di vietare globalmente sia il PFOA (acido perfluoroottanoico, un ingrediente del Teflon, la sostanza chimica utilizzata per preparare pentole antiaderenti, indumenti impermeabili e altri prodotti) e PFOS (perfluoroottano sulfonato, spesso usato come schiuma antincendio, specialmente negli aeroporti e nelle basi militari).

L’unica eccezione per PFOS sarebbe l’uso in dispositivi medici impiantabili e scadrà tra cinque anni.

La raccomandazione sarà presentata alla prossima conferenza delle parti delle Nazioni Unite, nel 2019. Se approvata, sarebbe giuridicamente vincolante per i 181 paesi dell’Unione europea che fanno parte della Convenzione di Stoccolma.

Infine, l Comitato dell’Onu sta mettendo sotto analisi anche un altro composto della famiglia dei Pfas: il PFHxS, una sostanza che si trova anche nelle analisi del sangue dei cittadini veneti che vivono nelle aree più esposte all’inquinamento di questi contaminanti.

Per approfondire l’argomento, ti potrebbero interessare anche:

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook