Il petrolio della Basilicata fa gola a Shell: chiesti 3 nuovi permessi di ricerca (MAPPA)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli occhi di Shell ricadono sul petrolio della Basilicata.

L’oro nero forse sepolto nelle profondità del suolo lucano fa gola al colosso petrolifero, che ha chiesto alla Regione di avviare la Valutazione di impatto ambientale (VIA) per il progetto di “Monte Cavallo”. Ma non solo.

In Basilicata, vi sarebbe infatti un giacimento a cavallo tra Campania e Basilicata di circa 211,9 chilometri quadrati per il quale Shell attende la Via, ossia l’autorizzare a procedere con le ricerche. Shell infatti ha presentato al Ministero dell’ambiente tre istanze per altrettanti permessi di ricerca di idrocarburi. Si tratta di La Cerasa, Pignola e Monte Cavallo, tutte sulla terraferma.

“Il progetto prevede l’esecuzione di uno studio geologico di dettaglio mediante un rilievo geofisico passivo nell’area del permesso di ricerca idrocarburi “Monte Cavallo”, per valutare la presenza di idrocarburi il cui sfruttamento sia economicamente vantaggioso e compatibile dal punto di vista ambientale” fa sapere Shell.

Sono 12 i comuni interessati, 8 in provincia di Salerno (Atena Lucana, Montesano, Padula, Polla, Sala Consilina, Sant’Arsenio, Sassano, Teggiano) e 4 in quella di Potenza (Brienza, Marsico Nuovo, Paterno e Tramutola).

mappa petrolio basilicata

Foto

LEGGI anche: EFFICIENZA ENERGETICA, IL VERO PETROLIO DELL’ITALIA

Sindaci e associazioni sono già sul piede di guerra. I sindaci hanno chiesto che si blocchi qualsiasi operazione:

“Qui c’è il bacino idrico più grande del Mezzogiorno che risulterebbe il più esposto ai pericoli di eventuali perforazioni”.

“La nostra reale ricchezza in Basilicata non è il petrolio ma il territorio con la sua bellezza e le sue qualità. Per questo è necessario fermare l’attività estrattiva prima che comprometta lo sviluppo. Ricordiamo che l’attività petrolifera non si concilia con le produzioni agricole di eccellenza ed il turismo ma genera uno sviluppo distorto che va ostacolato. La Regione Basilicata deve opporsi con ogni mezzo alle nuove e vecchie attività di ricerca petrolifera. Oggi il risultato è che siamo circondati. Ci sono richieste di nuovi permessi di ricerca delle compagnie petrolifere sia in mare che in terra” dichiara il movimento Scanziamo le Scorie in una nota a firma del presidente Donato Nardiello.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook