Peschereccio si incaglia e affonda vicino all’Isola di Montecristo. Sei mila litri di carburante in mare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Era finito contro gli scogli della riserva naturale dell’isola di Montecristo il 12 giugno scorso ma oggi il peschereccio è affondato. È corsa contro il tempo per valutare eventuali danni ambientali al largo della costa della Toscana visto che l’imbarcazione ospitava anche 6mila litri di carburante.

Al momento non sembra vi siano sversamenti ma è polemica sul fatto che il peschereccio si trovasse in una zona proibita” nel cuore dell’Arcipelago Toscano. L’Isola di Montecristo infatti è una riserva biogenetica di 1.039 ettari nata nel 1971, è riconosciuta come sito di interesse comunitario. Non è possibile pernottare e sono vietate la pesca, la balneazione e la navigazione entro 1000 metri dalla costa. Inoltre, è possibile transitare entro 3 miglia ma non pescare. Per arrivare sull’isola è necessaria un’autorizzazione dell’Ufficio territoriale Carabinieri per le biodiversità di Follonica.

Nonostante ciò, l’imbarcazione, di base a Porto Santo Stefano, è rimasta incagliata due giorni sulla costa est dell’isola di Montecristo, all’interno della zona di protezione speciale del Parco nazionale dell’arcipelago toscano.

A trovarla nella scogliera di Cala Giunchitelli è stata la Capitaneria di Portoferraio, all’interno di una delle aree più belle e delicate per l’ecosistema dell’isola. A bordo erano presenti tre marinai e il comandante, tratti in salvo.

Sono subito scattate le indagini da parte della Guardia costiera per accertare cosa ci facesse il peschereccio all’interno della zona interdetta.

Secondo quanto riferito dal Ministero dell’ambiente, la Guardia Costiera di Portoferraio aveva effettuato diversi tentativi di mettersi in contatto con il mezzo senza ottenere risposta, così ha autorizzato un altro motopeschereccio presente in zona, a prestare la prima assistenza all’equipaggio.

A bordo dell’imbarcazione erano presenti circa 6.000 litri di carburante, per questo è stato attivato subito il piano operativo locale antinquinamento. Il ministero ha spedito anche un mezzo della flotta nazionale antinquinamento, che ha posizionato delle panne assorbenti per circondare l’area interessata e contenere eventuali sversamenti.

“Seguo costantemente l’evolversi della situazione. Al momento non sono segnalate fuoriuscite di sostanze inquinanti. La società armatrice è stata diffidata al recupero del mezzo e a porre in essere ogni azione utile per evitare l’inquinamento del mare. Attendo con ansia l’esito delle indagini che dovranno chiarire cosa ci facesse un peschereccio in un’area off limits non solo alla pesca ma anche ai bagnanti, nella quale è vietato il passaggio di qualsiasi mezzo navale” ha detto il Ministro Sergio Costa.

Scampato pericolo, sembra…

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto: TgRegione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook