La passione spasmodica per il sushi e i ristoranti ‘all you can eat’ hanno fatto aumentare del 1000% la pesca del tonno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A causa dell’aumento dei ristoranti di sushi il consumo di tonno ha avuto un enorme incremento negli ultimi anni, tanto da causare una vera e propria strage tra i pesci.

Una recente ricerca ha valutato l’andamento della pesca del tonno esaminando i dati raccolti negli ultimi 60 anni da cinque organizzazioni di gestione della pesca (ORGP). Lo studio aveva l’obiettivo di determinare se la pesca del tonno fosse ancora sostenibile e ha mostrato una situazione drammatica e peggiore di quanto ci si aspettasse.

I risultati, pubblicati sulla rivista scientifica Fisheries Research, hanno infatti mostrato gli effetti devastanti della pesca industriale legati in parte anche alla crescente diffusione dei ristoranti di sushi All you can eat, oltre che al consumo di tonno in scatola e in tranci.

Secondo i dati raccolti dai ricercatori, ogni anno vengono catturate 4 milioni di tonnellate di tonni: l’aumento della pesca del tonno registrata dal 1950 al 2016 è pari al 1000% e il maggior incremento si è avuto negli anni più recenti.

Le specie più pescate sono il tonno pinna gialla e il tonnetto striato, ma la strage riguarda anche milioni di tonnellate di altri pesci che finiscono nelle reti per errore, soprattutto verdesche e squali azzurri, questi ultimi in pericolo di estinzione.
Secondo le stime, negli ultimi 60 anni quasi 6 milioni di tonnellate di squali sono stati pescati per sbaglio durante la cattura dei tonni: molti vengono restituiti al mare ormai morti, altri vengono uccisi per le pinne.

In netta diminuzione invece la pesca di tonni rossi, ma non è una buona notizia: questi pesci sono molto apprezzati ma quasi non se ne trovano più nei mari proprio a causa delle nostre razzie. Secondo l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), che li ha inseriti nella Lista Rossa, i tonni rossi sono a rischio estinzione.

Questo nuovo studio mostra la situazione drammatica provocata dalla pesca industriale che sta saccheggiando gli oceani con pesanti conseguenze sugli ecosistemi marini.
Alla luce di questi dati risulta chiara la necessità di ridimensionare la pesca del tonno e riuscire a renderla più sostenibile, sia per salvaguardare gli stock ittici per le prossime generazioni sia per tutelare l’ambiente marino.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook