I peluche di IKEA “trasformati” per sensibilizzare sui pericoli della plastica negli oceani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cinque studenti di pubblicità russi hanno realizzato questa campagna che mostra come le parti in plastica possano essere letali per molti animali marini.

Ogni giorno milioni di pezzi di plastica raggiungono l’oceano. L’impatto ambientale derivante da questo problema è terribile e costituisce una seria minaccia per molte specie i cui habitat si stanno deteriorando all’aumentare dell’inquinamento.

Quindi, ci sono sempre più iniziative e movimenti che cercano di ridurre il consumo di plastica. Come questa campagna di sensibilizzazione che sta circolando in questi giorni su Internet, ma che in realtà un gruppo di cinque studenti della MADS (Moscow Advertising School) ha ideato già da qualche anno (era il 2019).

Attraverso gli animali di peluche IKEA , questi studenti hanno voluto riflettere la dura realtà che molti animali vivono a causa della plastica negli oceani.

@mads

@mads

Sotto il nome di Plastic Surgery (Chirurgia Plastica), hanno ridisegnato alcuni dei modelli di peluche per bambini venduti da IKEA.

I poveri animali hanno pezzi di plastica aggrovigliati attorno al collo e agli arti.

Il risultato riflette la realtà che milioni di animali affrontano nel loro habitat naturale, che è stato inondato di plastica.

Sebbene questo annuncio sia in realtà di qualche anno fa, e non sia ufficialmente affiliato a IKEA, invia un messaggio potente sull’importanza di combattere l’inquinamento della plastica.

Fonte: Adsoftheworld

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook