@Only a Child/Simone Giampaolo

Le parole pronunciate 30 anni fa da Severn Suzuki sono ancora attualissime e diventano un corto animato che devi vedere assolutamente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A 30 anni dal Summit della Terra di Rio, il celebre discorso della dodicenne Severn Cullis-Suzuki è più attuale che mai e torna a “vivere” nel meraviglioso cortometraggio animato “Only a Child”

Sono solo una bambina e non ho tutte le soluzioni, ma voglio che realizziate che non le avete nemmeno voi. Voi non sapete come riparare i buchi nello strato di ozono. Non sapete come riportare indietro i salmoni in un fiume inquinato. Non sapete come far tornare una specie animale estinta. E non potete restituirci le foreste che una volta crescevano là dove ora c’è il deserto. Se non sapete come sistemare tutto ciò, smettete di distruggerlo: era il 1992 quando la 12enne Severn Cullis-Suzuki, riuscì a zittire i leader del mondo per sei minuti.

Sono trascorsi quasi 30 anni da allora, ma le parole proferite da Severn al Summit della Terra delle Nazioni Unite di Rio de Janeiro riecheggiano ancora e sono più attuali che mai e non sono poi così diverse da quelle di Greta Thunberg e gli altri giovani attivisti per il clima. Adesso a quel toccante discorso rivive in un meraviglioso cortometraggio animato realizzato da circa 20 artisti guidati da Simone Giampaolo, giovane regista londinese con una passione innata per la narrazione e l’animazione.

Come nasce l’idea del corto d’animazione “Only a Child”

L’idea di “Only a Child” – è questo il titolo scelto per il corto – nasce nel 2018. 

Trovai di nuovo per caso il video del discorso di Severn su YouTube, e subito pensai che sarebbe potuto essere adattato in un corto animato racconta il regista a greenMe. – Ciò che mi ha veramente dato motivazione di creare questo progetto indipendente è il fatto che, a 30 anni dal Summit di Rio, tutte le cose dette da Severn siano ancora attuali (purtroppo). Contattai Severn tramite la sua manager e mi sembrarono da subito veramente entusiaste dell’idea.

Per realizzare il cortometraggio Simone Giampaolo ha usato un mix di tecniche che lo rende estremamente coinvolgente. Come ci spiega l’autore, dietro questa scelta c’è una motivazione ben precisa: 

Immaginando che ogni tecnica sia una sorta di tribù o piccolo paese (la tribù del 2D, del CGI, dello stop-motion…), volevo che anche a livello visivo questo film fosse una metafora di molte persone differenti (artisti) che si uniscono per comunicare un messaggio forte.

Il corto è già stata presentata in numerosi festival in giro per il mondo e dallo scorso 29 novembre è disponibile su YouTube: 

L’opera è stata apprezzatissima da Severn Cullis-Suzuki, che in video ha voluto Simone Giampaolo e gli altri artisti per aver ricordato al mondo quanto sia importante continuare a lottare per salvare il nostro Pianeta:

L’appello disperato di Severn Cullis-Suzuki resta ancora senza risposte 

Grazie alla sua straordinaria intensità, “Only a Child” ci mette di fronte a una verità terribile: non sono bastati 30 anni per cambiare davvero le cose, anzi. Oggi la situazione è nettamente peggiorata e gli effetti collaterali della crisi climatica sono sempre più frequenti e spaventosi. Nel 2021 il grido disperato di quella bambina di 12 anni, che ancora oggi continua la sua battaglia per il clima, è rimasto inascoltato. Neanche la COP26 è riuscita a fornirci risposte concrete e veramente efficaci contro i cambiamenti climatici. Anzi, si è rivelato un flop. L’ennesimo.

E, di fronte ai discorsi e agli appelli lanciati oggi da numerosi esperti, associazioni e attivisti per il clima tra cui Greta Thunberg, c’è addirittura chi continua a negare il problema e a girare lo sguardo dall’altra parte. 

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook